La figlia di Paul Walker ottiene un risarcimento dalla Porsche, la casa automobilistica ritenuta parzialmente responsabile dell’incidente nel quale ha perso la vita l’attore. Meadow, figlia del compianto divo di Fast and Furious, aveva citato la società tedesca sostenendo che il padre fosse morto intrappolato da una cintura di sicurezza difettosa.

Walker è stato vittima di un fatale incidente stradale quando aveva 40 anni, il 30 novembre del 2013. Paul era nell’auto guidata dall’amico Roger Rodas (anch’egli rimasto ucciso) durante una pausa di lavorazione del settimo capitolo della saga. Lungo una strada nella contea di Los Angeles, lo schianto della macchina gli è stato fatale.

figlia di Paul Walker ottiene un risarcimento dalla Porsche
Meadow e Paul Walker

Nel 2015, due anni dopo i fatti, Meadow Walker aveva accusato la Porsche, sostenendo che il padre era sopravvissuto all’incidente ma non era stato in grado di liberarsi dall’abitacolo in fiamme. In questo modo era morto bruciato vivo nell’automobile, una Porsche Carrera GT. La ragazza aveva già avuto un indennizzo di 10 milioni di dollari dalla famiglia di Rodas, ritenuto “parzialmente responsabile dell’incidente”.

In quella Porsche mancavano i sistemi di sicurezza montati su un’auto da corsa”, hanno specificato i legali dell’unica erede del patrimonio dell’attore, stimato 25 milioni di dollari. Il corpo di Walker è stato poi cremato e le sue ceneri sono sepolte al Forest Lawn Memorial Park di Hollywood Hills.

La figlia di Paul Walker ottiene un risarcimento dalla Porsche

Strappato l’accordo alla Porsche, la casa automobilistica ha però ottenuto che i dettagli sul risarcimento economico non vengano resi noti. Nelle conclusioni della vertenza è stato anche accertato che l’auto aveva problemi di stabilità, che erano conosciuti dall’azienda, e che hanno contribuito a causare l’incidente. Una sentenza che arriva a pochi mesi dalle toccanti parole del padre di Paul Walker, che ha raccontato per la prima volta come la perdita di suo figlio gli abbia cambiato la vita.

Commenti