Giulia Salemi si difende dopo la pioggia di critiche ricevute a causa di quell’outfit davvero eccessivo indossato sul red carpet di Venezia per la prima di The Young Pope, ultimo film di Sorrentino con protagonista Jude Law. Intervistata da Casa M2O la modella ha dichiarato “Sta succedendo una tragedia. Ricordiamoci che non ho ucciso nessuno”.

Per chi si fosse pero il red carpet finito sui giornali e sui siti di gossip di mezza Italia, vi ricordiamo di seguito i dettagli dell’outfit dello scandalo scelto dall’ex concorrente di Pechino Express. La Salemi ha indossato una creazione di Matteo Evandoro Mainzini scollato e con doppio spacco inguinale. Con lei sul red carpet anche lo stilista, Matteo Evandoro e la modella Dyane Mello che indossava un outfit altrettanto audace.

Giulia Salemi si difende: “Sta succedendo una tragedia non ho ucciso nessuno”

Adesso a tre giorni da quel red carpet Giulia Salemi si difende: “Mi piacciono queste cose provocatorie, la prendo sul ridere ma sta succedendo una tragedia. Ricordiamoci che non ho ucciso nessuno e ho visto molto peggio in passato. Non c’è un manuale in cui c’è scritto che non si può indossare una scollatura che superi i tre centimetri o uno spacco inguinale e così via”.

L’ex finalista di Miss Italia ha replicato: “Non ho fatto un film a luci rosse”

Riguardo al segno dell’abbronzatura, che proprio non è piaciuto, l‘ex finalista di Miss Italia ha replicato :“Dietro c’è sempre una storia, io come tutti prendo il sole in costume e non nuda. Sono tornata da pochi giorni dalle vacanze e non avevo mai provato prima il vestito, ho messo il fondotinta proprio lì ma mancavano pochi minuti e mi davano fretta. Non ho fatto un film p0rno, se lo fanno gli altri va sempre bene, se lo fa una povera crista che sta cercando di costruirsi una carriera mi devono massacrare e uccidere. Presto in tv dimostrerò quello che so fare”.

Commenti