Ad Hollywood gli “alimenti” da pagare tra ex coniugi non sono mai da sottovalutare: Katie Holmes ha chiesto a Tom Cruise di aumentare la cifra di mantenimento destinata ai figli, che attualmente ammonta a 30.000 euro. Apparentemente i soldi sono troppo pochi per crescere come si deve la loro figlia Suri, una bambina di 9 anni.

L’attrice sembrerebbe aver confidato agli amici che vorrebbe far viaggiare sua figlia da una costa all’altra del paese, e che ci tiene molto al fatto che la bambina riceva un’educazione privata di buon livello. Sarà che Katie non sta ottenendo ruoli in film dai grandi incassi, o che il suo ex marito – come si è vociferato negli ultimi tempi – non sia particolarmente presente nella vita di sua figlia, limitandosi a pochissime visite, addirittura quasi nessuna negli ultimi due anni, fatto sta che la star di Dawson’s creek ha esposto questa grossa richiesta vantando anche due spalle ben coperte.

Suo padre infatti è un famoso avvocato, lo stesso che si era occupato del loro accordo prematrimoniale nel 2006; questa volta però Tom Cruise ha deciso di controbattere a suon di legali e la questione sarà, per questo motivo, trascinata amaramente in tribunale.

Sarà il giudice quindi a decidere se la loro bambina necessita davvero di una cifra maggiore, considerando comunque che è Katie l’unica ad occuparsene.

Il loro matrimonio risale a poco più di tre anni fa, tutti lo ricordano come una cerimonia vistosa e mastodontica andata “in scena” in Italia, nel castello Odescalchi di Bracciano, secondo i riti di Scientology. Tom è uno degli adepti più famosi ed attivi di questa peculiare dottrina, al punto che quando la Holmes si è trovata un nuovo compagno il divo di Mission Impossible ha dovuto pensarci su se poteva accettare o meno che la sua ex donna avesse affianco un miscredente.

Commenti