Il giovane Montalbano della tv è uno degli attori più amati della sua generazione. E ora sta vivendo una seconda giovinezza, perché da due anni è diventato papà della piccola Frida. Michele Riondino parla di sua figlia nel corso di un’intervista concessa a “Vanity Fair” e mostra un lato inaspettato del suo carattere. L’attore ha raccontato l’amore viscerale per la bimba nata dalla relazione con la compagna Eva.

È stato soprattutto questo il motivo che lo ha tenuto lontano dal cinema, la sua grande passione. Dopo Il giovane favoloso di Mario Martone e l’esperienza televisiva nei panni di un Salvo Montalbano alle prime indagini, nell’ultimo anno lo abbiamo visto soltanto nell’opera prima Senza lasciare traccia di Gianclaudio Cappai. Recupererà con Falchi di Toni D’Angelo, il suo primo film da papà a tempo pieno.

Michele Riondino parla di sua figlia: le sue parole

Michele Riondino parla di sua figlia e non nasconde le iniziali titubanze che avevano toccato lui e la sua compagna. “Frida è stata una scelta azzardata da molti punti di vista”, ha confessato. “Fare un figlio è un atto egoistico: lo fai perché hai bisogno di un nuovo amore, di rinascere attraverso di lui”. Vengono in mente l’inesperienza e l’ingenua spavalderia di Silvestro, il personaggio che ha interpretato in Dieci inverni.

Sono assolutamente innamorato di Frida, ma all’inizio non è facile”, ha aggiunto. “Un giorno entra in casa tua questa piccola persona, io non la conosco e lei non mi conosce. Abbiamo bisogni completamente diversi, ma condividiamo la mia casa che io ho comprato. E anche lei potrebbe dire che quella è la sua casa, e guardare me e pensare che sono io l’estraneo nel suo territorio, e avere completamente ragione. Insomma, è strano e buffo”.

Il giovane Montalbano papà innamorato

Decisamente insolito per un uomo che era pronto “sul piano mentale” a diventare pare, ma “sul piano pratico molto meno. Si diventa padri quando si smette di essere figli, e io invece figlio mi ci sento ancora. Amo i vizi e le virtù del me stesso ragazzino”. Eppure lo sguardo di Frida lo ha messo subito al tappeto. “Ci siamo perdutamente innamorati, ma da poco, da quando lei è in grado di riconoscere l’amore e di sapere che senza di me non può vivere”, ha concluso. “Pensare a lei mi commuove, perché mi ha riportato in una dimensione naturale della vita, in cui non c’è bisogno di testa né di parole”.

Michele Riondino parla di sua figlia
Michele Riondino sul set di “Il giovane Montalbano”

Commenti