Abbracci sensuali, baci appassionati, sguardi d’intesa: gli sfortunati amanti della tragedia di William Shakespeare sono da sempre i testimonial perfetti del romanticismo. Per festeggiare San Valentino nel migliore dei modi, ecco i 5 adattamenti più belli di Romeo e Giulietta. Una playlist per una storia che ha affascinato tanti registi sin dagli albori del cinema: un prima versione filmata dell’opera venne realizzata in Francia da Clément Maurice nel 1900, mentre una versione italiana con Francesca Bertini e Gustavo Serena risale al 1912.

5 adattamenti più belli di Romeo e Giulietta
Romeo e Giulietta (1968)

5. Giulietta e Romeo di Renato Castellani (1954)
Ispirato alla tradizione pittorica del Quattrocento italiano, fu un progetto così laborioso che richiese un anno per la sceneggiatura, due per creare costumi e musiche e fu realizzato in tre anni. Romeo Montecchi e Giulietta Capuleti sono interpretata da Laurence Harvey e dalla sconosciuta Susan Shentall, giovane che non girerà più altri film. Leone d’oro alla Mostra del Cinema di Venezia.

5 adattamenti più belli di Romeo e Giulietta
Giulietta e Romeo (1954)

I 5 adattamenti più belli di Romeo e Giulietta

4. West Side Story di Robert Wise (1961)
Anche quando non chiamata esplicitamente Romeo e Giulietta, la tragedia degli amanti veronesi ha fatto da sfondo a film leggendari come il memorabile musical di Robert Wise. Montecchi e Capuleti diventano Jets e Squali nel quartiere popolare di New York. Complici le musiche di Leonard Bernstein e le corografie di Jerome Robbins, ottenne uno strepitoso successo e vinse dieci Oscar: film, regia, fotografia, attore e attrice non protagonisti (George Chakris e Rita Moreno), costumi, scenografia, montaggio, colonna sonora e un premio speciale alla coreografia.

5 adattamenti più belli di Romeo e Giulietta
West Side Story (1961)

3. Giulietta e Romeo di Riccardo Freda (1964)
Il maestro italiano dei generi trasforma la tragedia di Shakespeare in uno scintillante cappa e spada tutto “azione, emozione, tensione, velocità”. Rosemarie Dexter è Giulietta: per l’attrice (scomparsa nel 2010) fu il ruolo della vita insieme a quello della sorella di Mortimer in Per qualche dollaro in più di Sergio Leone. Romeo è interpretato da Geronimo Meynier, celebre attore degli anni Cinquanta che proprio dopo questo film si ritirerà, ancora giovanissimo, dal mondo del cinema.

5 adattamenti più belli di Romeo e Giulietta
Fotobusta d’epoca

2. Romeo e Giulietta di Franco Zeffirelli (1968)
In pieno ’68, Zeffirelli mette in scena la Verona del XVI secolo con lo spirito della Swinging London. Fedelissimo al testo di Shakespeare, a partire dall’età dei protagonisti, allora sconosciuti: la quindicenne Olivia Hussey e il diciassettenne Leonard Whiting, quasi coetanei dei personaggi di Giulietta e Romeo. Memorabili le performance di Michael York e Milo O’Shea (rispettivamente Tebaldo e frate Lorenzo) e le musiche di Nino Rota. Il film ottenne due premi Oscar (fotografia e costumi) e guadagnò al botteghino quasi 40 milioni di dollari (non costò neanche un milione). Geniale la frase di lancio: dopo 4 secoli, l’amore ha ancora 15 anni.

5 adattamenti più belli di Romeo e Giulietta
Romeo e Giulietta (1968)

Gli sfortunati amanti veronesi sul grande schermo

1. Romeo + Giulietta di Baz Luhrmann (1996)
Contestatissimo dalla critica, amatissimo dal pubblico: Luhrmann sposta la vicenda nella contemporanea e multietnica Venice Beach, sceglie Leonardo DiCaprio (premiato a Berlino con l’Orso d’argento per questo ruolo) e Claire Danes come protagonisti e butta in colonna sonora band come Radiohead, Garbage e Butthole Surfers. Il risultato è un frullato postmoderno e giovanilistico che incassa la bellezza di 147 milioni di dollari.

5 adattamenti più belli di Romeo e Giulietta
Romeo + Giulietta (1996)

Commenti