I nuovi film al cinema dal 24 gennaio sono ben 10 per un weekend in sala davvero affollato. Su tutti spiccano il ritorno di Rocky Balboa e Adonis Creed (con tanto di Ivan “ti spiezzo in due” Drago e figlio) e il pluri-candidato all’Oscar La favorita. L’Italia è rappresentata da Compromessi sposi, commedia con l’inedita coppia Salemme e Abatantuono. Infine, in occasione della Giornata della Memoria 2019, arrivano sugli schermi tre titoli per non dimenticare gli orrori dell’Olocausto.

nuovi film al cinema dal 24 gennaio

Creed II
Adonis (Michael B. Jordan) contro il figlio di Ivan Drago, Viktor (Florian Munteanu). Il sequel di Creed è il film-specchio di Rocky IV, con il ritorno di Dolph Lundgren (occhio al cameo di Brigitte Nielsen) e un Sylvester Stallone Rocky sempre più sfatto e solitario. Un film pugilistico malinconico e crepuscolare, che gli appassionati non devono farsi scappare.

Compromessi sposi
Dopo Ricchi di fantasia, Francesco Miccichè pigia sull’acceleratore della commedia Nord contro Sud. Protagonisti Vincenzo Salemme e Diego Abatantuono, rispettivamente sindaco liberal-progressista meridionale e farabutto imprenditore polentone. Quando la scintilla dell’amore scocca tra i loro figli, ne succedono delle belle. Peccato che la noia e la sensazione di déjà-vu siano sempre dietro l’angolo.

La favorita
Ben 10 nomination agli Oscar 2019 per il terzo film in lingua inglese del greco Yorgos Lanthimos. Stavolta la sua foga si stempera nella black comedy e plana agli inizi del XVIII secolo, quando la regina Anna (una superlativa Olivia Colman) si ritrova divisa tra la sua consigliera e amante clandestina Sarah (Rachel Weisz) e l’affascinante nuova arrivata Abigail (Emma Stone). Un film sardonico e beffardo su amore e fragilità, ambizione e potere, con strepitoso lavoro del sound designer Johnnie Burn: da vedere.

I nuovi film al cinema dal 24 gennaio

Se la strada potesse parlare
Barry Jenkins, il sopravvalutato regista di Moonlight, porta al cinema il romanzo di James Baldwin, edito in Italia da Fandango. Nella Harlem degli anni ’70, una coppia afroamericana (KiKi Layne e Stephan James) vede il proprio amore andare in frantumi quando lui viene accusato ingiustamente di aver stuprato una donna portoricana. Lei, incinta, tenta con ogni mezzo di sostenere l’uomo che ama. Retorico e irritante.

Ricomincio da me
Jennifer Lopez torna alla carica con una commedia brillante che la vede nei panni di Maya, 40enne bella e intelligente ma frustrata e insoddisfatta. La sua tanto agognata seconda possibilità arriva quando i vertici della catena in cui lavora le affidano la gestione di un grosso negozio nel Queens. Quest’avventura, però, si rivelerà più difficile del previsto.

Il mio capolavoro
Da Gastón Duprat, il regista di L’artista e Il cittadino illustre, una grottesca commedia sull’arte (di reinventarsi) con protagonista Guillermo Francella. L’attore argentino è Arturo, un gallerista sofisticato e senza scrupoli che, con un piano estremo e molto rischioso, cerca di rilanciare la carriera di un grande e squattrinato pittore, Renzo (Luis Brandoni). Una riflessione (non graffiante come fatto in passato) sulla vecchiaia e le seconde opportunità.

Nuovi film al cinema in uscita per la Giornata della Memoria

L’uomo dal cuore di ferro
Primo dei tre film in sala in occasione delle celebrazioni della Giornata della Memoria. Cedric Jimenez, regista francese del bel polar French Connection, porta sullo schermo il romanzo HHhH di Laurent Binet. Ovvero la storia di Reinhard Heydrich (Jason Clarke), il “macellaio di Praga” braccio destro di Himmler e capo della Gestapo. Vita e morte di un uomo mediocre diventato uno dei simboli del male assoluto.

I bambini di Rue Saint-Maur 209
Secondo film in ricordo delle vittime della Shoah. Il documentario di Ruth Zylberman “insegue” in giro per il mondo i vecchi inquilini di un palazzo parigino, che avevano formato una piccola comunità ebrea durante l’occupazione nazista. Oggi, queste persone raccontano le loro storie. Un film sulla conservazione della memoria e sull’obbligo morale di difenderla in tutti i modi.

Chi scriverà la nostra storia
Terzo film per il Giorno della Memoria, la docu-fiction di Roberta Grossman disseppellisce la memoria del ghetto di Varsavia attraverso le vicende dello storico Emanuel Ringelblum. Fu lui a guidare la “Oyneg Shabes” – una squadra di giornalisti, studiosi e capi di comunità – per combattere le menzogne e la propaganda dei nazisti.

BTS World Tour: Love Yourself in Seoul
Al cinema in data unica sabato 26 gennaio, il concerto-evento del gruppo sudcoreano BTS, la boy band di k-pop più famosa del mondo. Il concerto include tutte le canzoni del tour e diventa occasione per condividere l’energia e il talento dei sette, capaci di sedurre fan in ogni angolo del pianeta.

Commenti