Going Clear: Scientology e la prigione della Fede, il controverso film di Alex Gibney sulla Chiesa fondata da L. Ron Hubbard, ha vinto il premio come miglior documentario ai Creative Arts Emmy Awards. Ritirando la statuetta, il regista non ha perso occasione per bacchettare Tom Cruise e il suo rapporto con i media.

Sono fermamente convinto che a tanti programmi televisivi che volevano Tom Cruise come ospite è stata imposta una sola condizione: non fargli domande sulla Chiesa di Scientology. Ma che problema ha Tom Cruise, perché non dovrebbe parlare di queste cose? … Ha ricevuto prove documentate degli abusi perpetrati dai funzionari della Chiesa”.

“Quando ho letto il libro di Lawrence Wright, mi sono reso conto di quanto fosse potente perché analizza soprattutto l’abuso dei diritti umani di Scientology”, ha aggiunto Gibney. “Ma anche l’idea che tante persone davvero intelligenti e capaci possano cadere in questa fede”.

“C’è ancora tanto materiale, tra quello che abbiamo già ricevuto e altro che sta per uscire”, ha rivelato su un possibile secondo capitolo. “C’è ancora tanto da fare”.

Commenti