In coda al caso esploso pochi giorni fa, arrivano le prime vere dichiarazioni di Jimmy Bennett su Asia Argento: l’attore 23enne ha deciso di rompere il silenzio sulla vicenda. A chiare il proprio punto di vista ci aveva già pensato la figlia di Dario Argento, ha smentito l’accusa di molestie dichiarando: “È una persecuzione”. Adesso però arriva la controparte, la testimonianza della ‘vittima’ di molestie che ha ricevuto il risarcimento di 380.000 dollari.

Le dichiarazioni di Jimmy Bennett su Asia Argento: “Mi vergognavo di parlare”

Incoraggiato dal movimento#metoo – che ha preso piede proprio proprio dal processo a Weinstein, in cui è coinvolta anche l’ex compagna di Morgan – il giovane attore ha deciso di rivolgersi alla stampa attraverso una dichiarazione.

Ecco le dichiarazioni di Jimmy Bennett su Asia Argento e il caso che sta facendo parlare tutto il web:

Il racconto dell’attore:

Molte donne e uomini coraggiosi hanno parlato delle loro esperienze da quando è partito il movimento #metoo e io ho apprezzato il coraggio che è servito ad ognuno di essi per queste prese di posizione – ha esordito – Non ho parlato inizialmente della mia storia perché ho scelto di gestirla in privato con la persona che mi ha fatto questo. Il trauma si è risvegliato in me quando un’altra persona si è dichiarata vittima.

jimmy bennett su asia argento

Non ho fatto comunicati ufficiali nei giorni scorsi e nelle ore appena passate perché mi vergognavo e avevo paura di essere sulla bocca di tutti. Ero minorenne quando il tutto è accaduto, e ho provato ad avere giustizia in una maniera che avesse senso per me al tempo, perché non ero pronto ad affrontare l’idea che la mia storia diventasse pubblica. Al tempo temevo che l’opinione pubblica mettesse un marchio su un uomo che si era trovato in una simile situazione. Vorrei andare oltre questo evento della mia vita e ho deciso di andare avanti, ma non rimanendo più in silenzio.”

Questa testimonianza va ad aggravare la posizione dell’attrice, già messa in pericolo dalla scoperta di alcuni SMS di Anthony Bourdain.

 

Commenti