Firenze festeggia i 30 anni di Caruso Pascoski con una serata evento che si chiude con un momento davvero emozionante: Ginevra Nuti canta Sarà per te. In una Piazza del Carmine gremita, nei luoghi in cui è ambientato uno dei film più amati di Francesco Nuti, il grande attore e regista è stato celebrato da fan, famigliari e amici. L’affetto di una platea enorme per un grande artista, che non poteva esserci perché in clinica a Roma.

Ginevra Nuti canta Sarà per te a Firenze

Proiettato su un maxischermo in occasione dei trent’anni dall’uscita in un evento organizzato da Quartiere 1 e Associazione Bang, Caruso Pascoski mantiene intatta la sua carica malincomica. Il pubblico ne conosce le battute a memoria con oltre cinquemila persone che si sono ritrovate in piazza tutte insieme. Un’occasione anche per ricordare Novello Novelli, nell’indimenticabile scena cult del “Dammi un bacino”, ma anche Carlo Monni e Nano Campeggi, recentemente scomparso. Se sono imbarazzanti e fuori luogo gli interventi di Alessandro Haber e Giovanni Veronesi, la classe di Athina Cenci e la simpatia di Sabrina Ferilli sono contagiose. Ma la scena la ruba lei, Ginevra, la figlia di Cecco.

Ginevra Nuti canta Sarà per te
Ginevra Nuti (foto: Instagram @ginevranuti)

Caruso Pascoski, film festeggia 30 anni

“E se il tempo passa, sarà per te. E se non è mai presto, sarà per te”, le parole del brano presentato da Nuti a Sanremo nel 1988. “Sarà per te, tutto quello che è stato sarà per te”: Ginevra si commuove nel suo vestito nero lungo indossato per la serata. D’altronde l’ha confessato proprio nei giorni scorsi: “Dopo l’incidente di papà, ho sempre evitato di guardare tutti i suoi film. Tranne uno: Caruso Pascoski. La prima volta che l’ho visto lo ricordo come se fosse ieri: avevo 15 anni, ero col mio ragazzo a casa, cercavamo qualcosa da guardare, abbiamo scelto Caruso Pascoski. Siamo letteralmente morti dalle risate”.

Commenti