Anche Wolverine ogni tanto si lascia andare: Hugh Jackman piange (e non poco) ogni volta che vede una scena particolare di Logan. Lo ha raccontato l’attore australiano nel corso di un’intervista rilasciata a The Hollywood Reporter. Il divo ha partecipato con il regista James Mangold e il produttore Hutch Parker ad un evento speciale. A New York è stato infatti presentato Logan Noir, versione in bianco e nero del film che uscirà presto in Blu-Ray.

Hugh Jackman piange
Hugh Jackman piange girando (e vedendo) Logan

Nel corso dell’incontro, Jackman ha raccontato di essersi commosso durante la proiezione del film al Festival di Berlino. Quando? Su una delle scene più drammatiche e intense. Avvertenza: se non avete visto Logan, non proseguite la lettura. Hugh e l’amico e collega Patrick Stewart (il Professor Charles Xavier) hanno trattenuto a stento le lacrime. Il momento clou è avvenuto sulla sequenza finale, quando Laura e gli altri mutanti seppelliscono il corpo di Wolverine.

Hugh Jackman piange su una scena di Logan

Complici le note della struggente The Man Comes Around di Johnny Cash, Jackman ha rivelato di non avercela fatta a rimanere impassibile. “Quando ho letto la sceneggiatura, ho pensato che quella scena fosse molto bella”, ha spiegato. “Sembrava molto poetica sulla carta. Ma quando l’abbiamo girata ho pianto. E anche quando l’ho rivista ho pianto. Ero seduto accanto a Patrick Stewart e piangevamo entrambi”.

Non volevo che le persone speculassero su questo finale”, ha aggiunto Mangold. “Non abbiamo lasciato finali aperti per farci su altri soldi o per tirare fregature. Volevo che la sequenza conclusiva fosse così, il sipario si è chiuso, abbiamo finito di raccontare una storia. Come in un film normale, non lasciamo nulla di non detto. La vicenda di Wolverine si è conclusa”. Logan infatti ha segnato definitivamente l’ultima interpretazione di Jackman nei panni dell’eroe della saga degli X-Men. Questo trailer rende gli occhi ancora più lucidi.

Commenti