Il bene mio arriva al cinema dopo il passaggio alla Mostra di Venezia (Evento Speciale alle Giornate degli Autori) e soprattutto a poco più di un mese dalla tragedia del ponte Morandi di Genova. È proprio al disastro che ha provocato 43 morti e 566 sfollati che il protagonista Sergio Rubini fa riferimento presentando il secondo lungometraggio di Pippo Mezzapesa (Il paese delle spose infelici).

La storia raccontata dal regista pugliese, girata tra Gravina (in provincia di Bari) e Apice Vecchio (autentico paese fantasma del Sannio), è quella di Elia (Rubini), l’unico abitante rimasto a Provvidenza, un immaginario borgo del Sud duramente colpito dal terremoto.

Il bene mio location a Apice Vecchio

Il sindaco (Francesco De Vito) ha ordinato l’evacuazione dei cittadini, che si sono trasferiti nel nuovo abitato sorto a valle. Tutti tranne Elia, che durante quelle interminabili scosse ha perso la moglie Maria. Grazie all’aiuto del suo vecchio amico Gesualdo (Dino Abbrescia) e dell’ex insegnante Rita (Teresa Saponangelo), Elia cerca di tenere vivo il ricordo.

È ossessionato dal terremoto e dal senso di colpa che si porta dentro per non essere stato lì proprio in quei momenti. Nonostante abbia tutto e tutti contro, Elia non è solo. Da qualche tempo, infatti, comincia ad avvertire una strana presenza. Un fantasma che ben presto scopre avere le sembianze di Noor (Sonya Mellah), una donna in fuga che rimette in discussione tutte le sue scelte.

Il bene mio film Mezzapesa
Sergio Rubini

Come suggerito dal trailer, Il bene mio è un film che racconta una resistenza, quella di una persona che non si rassegna a vedere la sua comunità smembrata e il suo passato dimenticato. “Avevo la voglia di raccontare la lotta di un uomo che non vuole abbandonare il suo paese”, spiega Mezzapesa.

“Elia vuole elaborare il dolore rimanendo attaccato a quelle pietre e ricostruire una comunità che ha voluto dimenticare e che lo ha tradito”. Questo personaggio, tuttavia, “non è il classico eremita: è vitale e solare, rifugge l’idea della morte, lotta e combatte”.

Il bene mio film al cinema dal 5 ottobre

Il terremoto, racconta il regista, “ha un valore fisico e metaforico: ci sono diversi modi di affrontare il dolore. Elia ha un modo tutto suo di elaborarlo, per lui non ci può essere un domani senza la memoria di quello che è stato. Ma ognuno nel paese, anche chi vuole rimuovere con apparente durezza, lo fa perché ha le proprie ragioni”.

“L’importante – sottolinea Mezzapesa – è che la comunità elabori il dolore ritrovando se stessa. Elia è il pastore di una comunità che si è persa e che lui vuole ricucire”. La sfida del regista, in tal senso, è stata quella di raccontare “un passato che è andato altrove”, la Nuova Provvidenza, “senza mai vederlo”.

Il bene mio film Mezzapesa
Sergio Rubini e Pippo Mezzapesa (foto: Facebook @pippomezzapesa)

L’apparizione di Noor diventa l’incontro tra due mondi completamente diversi. “In un film fatto di soglie, Elia vuole aprire questi confini, infrangere questi limiti”, ribadisce il regista. Rubini si è prestato a questa prova mettendo in discussione il suo stesso corpo attoriale. “Mi piaceva lo sguardo di Pippo e questo personaggio a contrasto, sempre dinamico e mai depresso, molto fisico e tonico”, rivela l’attore.

Nel cinema di Mezzapesa “l’estetica non è estetizzante: Pippo non è mai vacuo, è sempre dolce e autentico”. Se “il cinema non è in crisi” perché “la gente ha bisogno di storie”, quando ha accettato questo ruolo Rubini l’ha fatto perché “non si fanno più film come questo. Negli ultimi anni abbiamo prodotto roba da scaffale, ‘prodotti’ che replicano l’ultima cosa che è andata bene. Abbiamo perso il gusto di sperimentare”.

Il bene mio Mezzapesa “toccante e autentico”

Mezzapesa è un’eccezione: “Pippo è toccante, autentico, unico”. Un film come Il bene mio è dedicato proprio a chi a Genova non vuole dimenticare: “Quando ho visto gli sfollati animati dal desiderio di tornare negli appartamenti per raccogliere i propri oggetti, ho visto tanti piccoli Elia”.

Distribuito da Altre Storie, Il bene mio è al cinema dal 5 ottobre.

Il bene mio film Mezzapesa
Il cast di Il bene mio (foto: Facebook @RaiCinemaChannel)

Commenti