John C. Reilly e Steve Coogan si sono letteralmente trasformati in Oliver Hardy e Stan Laurel nella prima foto ufficiale di Stan & Ollie. Il film di Jon S. Baird (Babylon, Il lercio) verrà presentato in anteprima al BFI London Film Festival il prossimo ottobre e ricostruirà un periodo particolare nella vita del duo comico più famoso al mondo. Ambientato nel 1953, il biopic racconta il tour teatrale che Stanlio e Ollio intrapresero in Gran Bretagna. Acciaccati dall’età e con alle spalle un passato di gloria, i due vanno incontro a un futuro incerto: gli spettacoli si rivelano infatti deludenti, sebbene fan vecchi e nuovi continuino a divertirsi di fronte alle loro gag.

Stanlio e Ollio, film in arrivo nel 2019

Con il supporto delle loro mogli, Lucille (Shirley Henderson) ed Ida (Nina Arianda), Laurel e Hardy continuarono imperterriti la tournée nonostante Ollie avesse sofferto di un infarto. Fra applausi e risate, si congedarono dal pubblico prima di rientrare negli Stati Uniti, dove la loro popolarità tornò ai vertici degli anni d’oro, grazie alla massiccia riproposizione dei loro film migliori in televisione. Di lì a poco, Hardy fu costretto a sottoporsi ad una dieta che si rivelò un calvario. Dimagrito e debilitato da un cancro, preferì abbandonare le scene e chiudersi in casa, senza vedere più nessuno. Dopo un ictus che lo portò alla semiparalisi, non riusciva quasi più a muoversi, fino al fatidico 7 agosto del 1957 quando morì all’età di 65 anni.

John C. Reilly Oliver Hardy Steve Coogan Stan Laurel
John C. Reilly e Steve Coogan in Stan & Ollie (foto: Twitter @AliPlumb)

John C Reilly, Oliver Hardy perfetto

La sceneggiatura di Stanlio e Ollio è stata scritta da Jeff Pope, già autore con Coogan di Philomena di Stephen Frears. Distribuito prossimamente in Italia da Lucky Red, il film ha già sorpreso i fan di mezzo mondo per l’incredibile somiglianza dei suoi due protagonisti. Reilly, caratterista con exploit in Walk Hard – La storia di Dewey Cox e Chicago (che gli è valso la candidatura all’Oscar), e Coogan, inglese di Manchester capace di passare in un attimo dal comico al drammatico, appaiono perfetti Oliver Hardy e Stan Laurel.

Commenti