Ci sono i terribili spiriti che infestano le case della saga di The Conjuring, che richiedono l’intervento di specialisti di fenomeni dell’occulto. Poi c’è quello di La Llorona – Le lacrime del male, che come suggerisce il titolo si scaglia contro i vivi per placare la sua angoscia e i suoi tormenti interiori. Le avventure di coloro che provano a scongiurare la maledizione della Llorona sono al centro del nuovo horror prodotto da James Wan: il film arriverà al cinema a partire dal 18 aprile 2019.

La Llorona – Le lacrime del male: di cosa si tratta

Ispirato alla leggenda del più famoso fantasma messicano, La Llorona – Le lacrime del male è un film che rientra nel filone dell’horror paranormale (la visione è consigliata ai maggiori di 14 anni) e che è stato prodotto dalla Atomic Monster, gli artefici dello strepitoso successo della saga di The Conjuring.

La Llorona del titolo è un mito latino-americano, quello della donna che piange. Ovvero una donna che nel primo periodo coloniale (ma forse anche prima), uccise i figli in preda ad un raptus di rabbia e gelosia per l’abbandono del compagno, un hidalgo spagnolo. Da allora appare di notte, come uno spirito, immersa in un ininterrotto e disperato pianto.

Questa leggenda, che rappresenta il trauma della perdita delle origini dei popoli nativi e la sottrazione dell’identità ad opera dei colonizzatori europei, è già stata portata al cinema diverse volte. Il primo a cimentarsi con la sua storia fu il regista cubano Ramón Peón nel 1933, mentre nel 1960 il messicano René Cardona adattò una celebre pièce di Carmen Toscano.

In tempi recenti, ci hanno pensato diverse serie tv a far riaffiorare il mito, da Grimm e Sleepy Hollow a Supernatural. Ma la sua celebrità si deve soprattutto a Coco: nel cartoon della Pixar, la canzone cantata da Imelda Rivera (la voce è di Alanna Ubach) è uno dei momenti più emozionanti e travolgenti del film.

La Llorona - Le lacrime del male film

La trama

Come suggerito dal trailer italiano, La Llorona – Le lacrime del male è ambientato negli anni 70 a Los Angeles, dove il fantasma si aggira nella notte alla ricerca di bambini. Un’assistente sociale non prende sul serio l’inquietante avvertimento di una madre sospettata di aver compiuto violenze sui figli, e presto sarà proprio lei, insieme ai suoi bambini, ad essere risucchiata in uno spaventoso regno soprannaturale. L’unica speranza di sopravvivere all’ira mortale della Llorona potrebbe essere un prete disilluso e la mistica che pratica per scacciare il male, dove la paura e la fede si incontrano.

Il regista

Il regista di La Llorona – Le lacrime del male è Michael Chaves, filmmaker di Los Angeles cresciuto a pane e pubblicità. Wan l’ha notato grazie al cortometraggio The Maiden, diventato subito virale sul web. Ingaggiato per questo film, Chaves si è guadagnato la fiducia di Wan, Gary Dauberman ed Emile Gladstone, che gli hanno affidato la regia di The Conjuring 3.

Il cast

La protagonista di La Llorona è Linda Cardellini, volto noto soprattutto grazie alle serie tv Mad Men e Bloodline. Al cinema ha recitato in film di successo come La rivincita delle bionde, Brokeback Mountain e Avengers: Age of Ultron, anche se la sua migliore interpretazione l’ha fornita in Return di Liza Johnson. Gli altri due nomi (non meno celebri) sono quelli di Raymond Cruz (le serie tv The Closer, Major Crimes, Breaking Bad e Better Call Saul) e Patricia Velasquez, ex supermodella venezuelana apparsa sullo schermo in La mummia, The L Word, Arrested Development e, più di recente, Ugly Betty.

Tutti questi precedenti fanno ben sperare nel fatto che La Llorona – Le lacrime del male possa essere un buon prodotto di intrattenimento, senza pretese ma sufficientemente valido.

Commenti