Marilyn Monroe imperdibile. Si intitola così la mostra internazionale realizzata a Palazzo degli Esami di Roma, nel cuore di Trastevere. Fino al 30 luglio, sarà possibile rivivere il mito grazie ad una collezione di oltre 200 pezzi, la più ampia al mondo. Gli effetti appartenuti all’attrice sono i più svariati. La curatela è affidata a Fabio Di Gioia con il contributo del collezionista privato Ted Stampfer. L’esposizione permetterà di entrare nel privato della più grande diva di Hollywood.

Marilyn Monroe imperdibile
Uno degli scatti di Marilyn Monroe in mostra a Roma

I beni di Marilyn furono messi all’asta soltanto nel 1999. La maggior parte degli oggetti venne venduta nell’ottobre dello stesso anno. Dopo l’evento torinese, la mostra romana raccoglie vestiti, accessori, cosmetici, oggetti simbolo del suo lifestyle e di quello dell’epoca. A colpire sono soprattutto i costumi di scena, come quello originale del film Il principe e la ballerina. O l’abito bianco che si sollevava con uno sbuffo di vento in Quando la moglie è in vacanza, disegnato dal costumista William Travilla.

Marilyn Monroe imperdibile a Roma

Dall’iconico Chanel n. 5 alla camicetta in seta stampa fantasia di Pucci, si viaggia oltre il mito e la carriera della star. La collezione include infatti i regali avuti da altri colleghi e amici del mondo del cinema. Ma anche sceneggiature, spezzoni di film, contratti della casa di produzione da lei fondata. Le fotografie di scena e le apparizioni pubbliche, anche inedite. Completano il quadro i bauli e le valigie da viaggio, come la mitica cappelliera vintage anni ’50 di Saks Fifth Avenue. E ancora i guanti da opera in raso nero e l’abito da cocktail total black firmato dal suo stilista preferito, Ceil Chapman.

Tra i contributi video, spicca un momento cult. La consegna del David di Donatello avvenuta nel 1959 dalle mani di un’emozionatissima Anna Magnani. La cerimonia avvenne nella sede dell’Istituto di Cultura Italiano a New York e venne raccontata in tv da Ruggero Orlando nelle immagini custodite dall’Istituto Luce. Un altro prezioso tassello di questa mostra che rivela, ancora una volta, la grande determinazione di una donna capace di andare controcorrente e di saper essere unica.

Commenti