Martin Scorsese riceverà il Premio alla Carriera alla Festa del Cinema di Roma 2018. La tredicesima edizione del festival della Capitale, che si terrà dal 18 al 28 ottobre, celebra così uno dei più grandi cineasti della storia della settima arte. Lo ha annunciato il direttore artistico Antonio Monda in accordo con Laura Delli Colli, alla guida della Fondazione Cinema per Roma. A consegnare il riconoscimento al regista di capolavori come Taxi Driver, Toro scatenato, Quei bravi ragazzi, Casinò, Gangs of New York e The Wolf of Wall Street sarà Paolo Taviani.

Martin Scorsese Premio alla Carriera a Roma 2018

“È un onore unico consegnare il Premio alla Carriera a un gigante del cinema”, ha detto il direttore artistico Antonio Monda. “Sono entusiasta e commosso di poter celebrare Scorsese, non solo come grandissimo regista ma anche per il suo ruolo straordinario e impagabile nella riscoperta del grande cinema classico e, in particolare, del cinema italiano”. Scorsese ha dedicato all’Italia i documentari Italoamericani (sull’esperienza della sua famiglia a New York), Il mio viaggio in Italia (omaggio al cinema di Pastrone, Blasetti, Rossellini, De Sica, Visconti, Fellini e Antonioni) e Made in Milan, un’esplorazione intima della vita di Giorgio Armani.

Martin Scorsese Premio alla Carriera Roma 2018
Martin Scorsese (foto: Facebook @romacinemafest)

Martin Scorsese, The Irishman il prossimo film

Reduce dalle fatiche di Silence, il suo adattamento del romanzo di Shûsaku Endô, Martin Scorsese sta lavorando da mesi al suo prossimo progetto, The Irishman. Il film ricostruirà le memorie di Frank Sheeran detto l’Irlandese (Robert De Niro), sicario coinvolto nell’uccisione di Jimmy Hoffa (Al Pacino), protagonista del sindacalismo americano tra gli anni Cinquanta e Settanta. Nel cast, ci saranno anche Joe Pesci (Russell Bufalino), Harvey Keitel (Angelo Bruno), Jesse Plemons (Chuckie O’Brien), Anna Paquin (Peggy Sheeran) e Bobby Cannavale (Joe Gallo). Produzione Netflix, budget di 100 milioni di dollari, The Irishman sarà pronto nel 2019.

Commenti