Un dramma comune, una malattia da combattere: Michael Douglas rivela che Val Kilmer ha il cancro e lo fa durante lo show “An Evening with Michael Douglas”, tenutosi al Theatre Royal Drury Lane di Londra. A dirlo è stato proprio il divo di Hollywood che per anni ha combattuto contro il tumore alla gola. I cicli di terapie ai quali si era sottoposto gli fecero perdere ben 16 chili, ma ebbero successo.

Michael Douglas rivela che Val Kilmer ha il cancro
Val Kilmer e Michael Douglas

Ora la dichiarazione shock sull’amico Val, con il quale ha girato nel 1996 il film Spiriti nelle tenebre. “Insieme abbiamo trascorso dei momenti meravigliosi”, ha ricordato. “Val è un ragazzo straordinario, che sta affrontando la stessa cosa che ho affrontato io. Le cose non sembrano andargli troppo bene. Le preghiere sono rivolte a lui. Ecco il motivo per cui ultimamente non si sente parlare troppo di Val”.

Michael Douglas rivela che Val Kilmer ha il cancro

Kilmer era già stato ricoverato nel gennaio del 2015, quando era stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Santa Monica per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute. Iniziarono allora le ricostruzioni dei media americani, secondo cui il tumore gli sarebbe stato diagnosticato già da qualche tempo e mai preso troppo sul serio. Dall’ospedale l’attore pubblicò sul suo profilo Facebook un ringraziamento ai fan che gli stavano vicino.

Insomma, da due anni in realtà si sa che il divo di Top Gun e Top Secret!, 56 anni, ha problemi alla gola, ma lui ha sempre negato si trattasse di cancro. Lo scorso dicembre era stato fotografato con una sciarpa a coprire il tubo per la tracheotomia. Il suo agente aveva confermato le diverse visite in ospedale per un “possibile tumore”, ma poi erano state tutte smentite e descritte come “complicazioni”.

Il post pubblicato su Facebook

Non ho avuto un tumore, né mi sono operato per un tumore né mi sono sottoposto ad altre operazioni”, aveva scritto sui social. “Ho avuto delle complicazioni e il modo migliore per affrontarle era restare in osservazione alla UCLA ICU. Gli amici che mi hanno assistito conoscono le mie convinzioni spirituali e sono stati ancora più sensibili e gentili per fare in modo che non vengano diffusi troppi pettegolezzi e stupidaggini”.

Commenti