Michael J. Fox annuncia Ritorno al Futuro 4: appassionati, esperti e giornalisti esultano, ma si tratta di una fake news. Succede anche questo all’epoca delle bufale sul web. Tutto comincia, ovviamente, sui social. “Oggi è un giorno importante, non è solo il mio compleanno”, si legge in un post pubblicato da Michael J. Fox. “Ritorno al futuro ritorna con un capitolo 4. Abbiamo ragionato a lungo sul progetto e ora è realtà. Abbiamo già girato il film l’estate scorsa e tra qualche giorno comunicheremo la data di lancio”.

Michael J. Fox annuncia Ritorno al Futuro 4

I fan vanno subito in visibilio. L’annuncio arriva sabato 9 giugno, giorno in cui è nato effettivamente l’attore canadese. Il messaggio è anche accompagnato da una foto che ritrae il mitico Marty McFly con Christopher “Doc Emmett Brown” Lloyd e Lea Thompson, che nella trilogia interpretava Lorraine, la madre di Marty. Soltanto pochi addetti ai lavori si sono impegnati ad appurare la veridicità dell’account, che si è rivelato subito falso.

Michael J. Fox annuncia Ritorno al Futuro 4
Michael J. Fox e Christopher Lloyd (foto: Facebook @thechristopherlloyd)

Michael J. Fox, Ritorno al Futuro 4 è una bufala

“Michael J. Fox” non è il vero profilo Instagram dell’attore che sul social si presenta invece come @realmikejfox. Poi c’è la foto. Lo scatto risale al 2015, quando al London ComicCon si celebrava il trentesimo compleanno del film con la reunion dei protagonisti. D’altronde Robert Zemeckis, regista della saga, ha più volte chiarito che non ci sarà alcun seguito. Ritorno al futuro, con tanto di fan equipaggiati di macchina del tempo e le sue 10 invenzioni che sono diventate realtà, è un mito degli anni ’80 gelosamente custodito dal suo creatore, che non cederà mai i diritti per farne un reboot (almeno finché avrà vita). Gli amministratori della pagina Facebook non ufficiale di Michael J. Fox si sono divertiti a ironizzare sull’accaduto così.

Facebook celebrity pages without certifications are not official. Be careful.

Publiée par Michael J. Fox Unofficial sur lundi 11 juin 2018

Commenti