All’età di 74 anni è morto R. Lee Ermey, l’attore che interpretò il sergente Hartman in Full Metal Jacket di Stanley Kubrick. Soprannominato “The Gunny”, Ermey è morto nella mattinata di domenica 15 aprile 2018 per complicazioni dovute a una polmonite. Una vita da film la sua, perché prima di dedicarsi al cinema era stato davvero un militare. Arrestato da ragazzo, un giudice gli diede la possibilità di scegliere tra l’esercito e il carcere. Scelse ovviamente la prima opzione.

Morto R. Lee Ermey: addio sergente Hartman

Dal 1961 al 1971, fu sergente per il corpo dei Marines e d’artiglieria. Poi divenne istruttore e nel 1968 fu mandato in Vietnam, dove rimase per 14 mesi. In seguito venne stanziato a Okinawa, in Giappone, prima di essere congedato per motivi medici nel 1972. In quel periodo iniziò la sua seconda vita.

Nel 1979 fece da consulente tecnico a Francis Ford Coppola per Apocalypse Now, ma finì per interpretare anche una piccola parte, quella di un pilota di elicottero. Dopo un altro film di guerra, The Boys in Company C di Sidney J. Furie, il ruolo della vita arrivò nel 1987 con il sergente maggiore Hartman di Full Metal Jacket. I soprannomi dati ai soldati, da Biancaneve a Joker, e frasi come “Palla di Lardo, hai un culo che è pari a un quintale e mezzo di chewing-gum masticato!” e “Con lui ammazziamo e con questo chiaviam!” sono diventate autentici cult.

morto R. Lee Ermey
Vincent D’Onofrio, R. Lee Ermey e Matthew Modine in Full Metal Jacket (foto: Warner Bros. Entertainment)

R. Lee Ermey, film e avventure di un grande caratterista

Oltre al ruolo nel capolavoro di Stanley Kubrick del 1987, per il quale era stato candidato ai Golden Globe come miglior attore non protagonista, Ermey aveva interpretato il sindaco Tilman nel film di Alan Parker Mississippi Burning – Le radici dell’odio del 1988 e il capitano di polizia in Seven (1995). Fu anche il capo ufficio Frank Martin di Willard il paranoico, il sadico sceriffo Hoyt del remake del 2003 di Non aprite quella porta e, nella saga di Toy Story, aveva dato la voce al Sergente, il comandante dei soldatini verdi di plastica. Il suo ultimo ruolo al cinema è stato in Vicini del terzo tipo.

Sposato due volte, Ermey lascia sei figli, cinque femmine e un maschio. Bill Rogin, il suo manager di lunga data, ha scritto su Twitter: “Con profonda tristezza vi informo che R. Lee Ermey (‘The Gunny’) è scomparso questa mattina… mancherà moltissimo a tutti noi”.

Commenti