Ottavia Piccolo è da tempo attivista dell’Anpi, l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, e ha denunciato un episodio accaduto durante la Mostra di Venezia. L’attrice ha preso parte a un piccolo corteo organizzato nei pressi del Palazzo del Cinema per sensibilizzare i presenti sul tema delle morti sul lavoro. Ma è stata fermata da un agente di polizia che avrebbe avuto da ridire sul fatto che indossasse un fazzoletto dell’Anpi. Un episodio “imbarazzante” e “ridicolo”, che ha raccontato in questi termini.

Ottavia Piccolo, Anpi e il fazzoletto rosso

“Non era una protesta di partito – ha raccontato Piccolo al quotidiano La Nuova Venezia – era stata autorizzata dalle autorità comunali, stavamo facendo un semplice volantinaggio. A un certo punto mi sono spostata per andare verso il Palazzo ma un agente mi ha fermata e ha detto che con questo fazzoletto non sarei potuta passare nella zona rossa. È arrivato un funzionario, poi un altro, e infine mi hanno lasciato passare. Ma in che Paese viviamo?”.

Ottavia Piccolo Anpi
Ottavia Piccolo (foto: Twitter @MediasetTgcom24)

Ottavia Piccolo oggi: clima di intolleranza grave

“La gravità dell’episodio rimane”, ha aggiunto l’attrice. In un’atmosfera come quella di Venezia 75, quanto le è successo è specchio di un clima “sempre più lontano dalla nostra cultura della solidarietà e di apertura sociale”, segnato da una “intolleranza che si allarga in tutta Europa”, contro la quale “credo che dobbiamo recuperare tutti insieme le basi della nostra cultura democratica. Far sentire la nostra voce. Non è questione politica, ma culturale”.

La questura di Venezia, ricostruendo i fatti, ha minimizzato l’episodio. Secondo le autorità, si sarebbe trattato di un equivoco: “il foulard indossato dalla signora Piccolo a prima vista è stato associato ai simboli esibiti dai manifestanti” che poco prima avevano “tentato di superare illecitamente lo sbarramento delle forze dell’ordine”. Dopo la denuncia, è scattata la mobilitazione e la solidarietà del mondo dello spettacolo nei confronti dell’attrice.

Commenti