Il tweet di Peter Fonda sul figlio di Donald e Melania Trump ha creato scandalo a Hollywood e non solo. La star di Easy Rider ha usato i social per commentare le polemiche sulla separazione delle famiglie di migranti al confine con il Messico. La straziante testimonianza audio dei bambini messicani che vengono separati con la forza dai loro genitori e rinchiusi in gabbia ha indignato il mondo. La dura politica dell’immigrazione di Trump è finita nel mirino e sul presidente, in difficoltà con gli stessi suoi Repubblicani, sono arrivate milioni di critiche.

Peter Fonda, il tweet sul figlio di Melania Trump

Fonda, simbolo della controcultura degli anni Sessanta e non nuovo ai clamori (recentemente ha annunciato il ritiro di Jack Nicholson), è intervenuto sulla questione con un messaggio su Twitter. “Dovremmo strappare Barron Trump dalle braccia di sua madre e metterlo in una gabbia con i pedofili e vedere se la madre si schiererà contro il grandissimo stronzo con cui è sposata. Novanta milioni di persone nelle strade nello stesso fine settimana in tutto il paese. Fanculo”. Questo il tweet, ora cancellato, che ha creato indignazione e imbarazzi.

Peter Fonda figlio di Trump
Peter Fonda (foto: Twitter @PrisonPlanet)

Trump, Messico e bambini: Peter Fonda si scatena

Barron, già finito nel mirino dei social per le pose scomposte e lo sguardo perso durante le cerimonie ufficiali, ha 11 anni ed è l’unico nato dall’unione tra il presidente americano e la terza moglie Melania. Il servizio segreto che vigila sulla incolumità del presidente e dei suoi familiari ha aperto un’indagine su Fonda. La portavoce della first lady ha definito le affermazioni della star di Hollywood “nauseanti e irresponsabili”. Anche il figlio maggiore del presidente, Donald Trump Jr., ha replicato a Fonda, sempre su Twitter: “Sei chiaramente una persona malata, ma piuttosto che attaccare un bambino di 11 anni come un prepotente ed un vigliacco perché non te la prendi con qualcuno un po’ più grande. Fammi sapere”.

 

Commenti