Love Actually continua: cosa fanno i protagonisti delle storie oggi?

Impossibile non ricordare quella deliziosa commedia di Natale dove i protagonisti perdono e trovano l’amore tra un regalo sbagliato sotto l’albero, la prima cotta di un bambino e la famosissima dichiarazione con i cartelli: ecco perché il ritorno di Love Actually, il film di Richard Curtis che nel 2003 fa ha fatto innamorare il mondo, è così tanto atteso!

Che fine avranno  fatto i protagonisti e le loro storie, dopo tutto questo tempo? Lo scopriremo nel sequel, già ufficiale e in programma per il Red Nose Day 2017, iniziativa a tutela di bambini e ragazzi che vivono in condizioni di disagio e limitatezza di risorse.

È stato lo stesso regista ad annunciare la sua intenzione di girare il ritorno di Love Actually, ritorno che però non avverrà come semplice pellicola cinematografica: ““Mi è sembrata un’idea divertente realizzare uno sketch speciale basato su uno dei miei film, visto che il Red Nose Day viene ora trasmesso nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Non avrei mai immaginato di scrivere un sequel di Love Actually, ma ho pensato che sarebbe stato divertente girare dieci minuti per scoprire la situazione attuale dei personaggi. Siamo stati felici e grati nel vedere che così tanti membri del cast sono disponibili a realizzarlo e sarà sicuramente un momento all’insegna della nostalgia ritornare tutti insieme e ricreare questi personaggi dopo 14 anni.”

ritorno-di-love-actually-richard-curtis

I personaggi delle vicende amorose sono stati interpetati da un cast d’eccezione, che va dallo scomparso Alan Rickman ai suoi celebri connazionali Hugh Grant, Colin Firth e Bill Nighy, passando per Andrew Lincoln, Keira Knightley e Roward Atkinson: la coralità del film, insieme all’irresistibile sceneggiatura e colonna sonora, è uno degli elementi che lo ha reso un cero e proprio cult delle love-comedy, una pellicola che è riuscita a radicarsi nell’immaginario collettivo al pari di Notting Hill o Pretty Woman.

Il ritorno di Love Actually: ecco quando!

L’appuntamento per questo breve e benefico sequel è per il 24 marzo sulla BBC, giorno del Red Nose in Inghilterra.

Commenti