I fan di Tutto può succedere sono in trepida attesa dell’episodio finale della fiction targata Rai. La serie, in onda dal dicembre del 2015, è un adattamento italiano della serie televisiva statunitense Parenthood, creata da Jason Katims e a sua volta ispirata dal film Parenti, amici e tanti guai diretta da Ron Howard. Nel cast della fiction che ha riscontrato un boom di ascolti con la sua penultima puntata, troviamo Pietro Sermonti, Maya Sansa, Ana Caterina Morariu, Alessandro Tiberi, Camilla Filippi, Licia Maglietta e Giorgio Colangeli.

La fiction ruota intorno alla famiglia Ferraro che vive vicino a Fiumicino, ed è composta dal capofamiglia Ettore (Giorgio Colangeli) e dalla moglie Emma (Licia Maglietta), e i loro quattro figli (due fratelli e due sorelle) e le rispettive famiglie. Domenica 13 marzo 2016 in prima visione assoluta si terrà l’episodio finale della serie tv Rai.

Tutto può succedere: anticipazioni e spolier dell’ultimo episodio

Secondo quanto rivelato dalle anticipazioni dell’episodio finale di Tutto può succedere, sembrerebbe che Ambra e Giada che si erano baciate non riescano a dimenticare ciò che è successo, e dovranno decidere se raccontare o meno ciò che è avvenuto tra di loro. Luca e Giulia tentano in tutti i modi di avere un bambino senza arrendersi difronte alle avversità. Sara è ancora alle prese con il rapporto conflittuale con il padre Ettore dopo che lui ha offerto una birra a Denis ma alla fine i due si verranno incontro.

Intanto già nel mese di gennaio è stata annunciata la produzione di una seconda serie, che uscirà nella prossima stagione televisiva. I dirigenti di RaiFiction hanno dato quindi il via alla produzione degli episodi della seconda stagione, visto l’enorme successo di pubblico riscontrato (4 milioni di spettatori nelle ultime settimane) confermando tutto il cast della prima stagione che tornerà nella seconda.

La sigla iniziale della fiction Rai è già un successo

La sigla iniziale della fiction Rai è il brano musicale cantato dai Negramaro, Tutto può succedere scritto da Giuliano Sangiorgi e dal compositore Paolo Buonvino. Nella colonna sonora è presente un altro brano originale, intitolato Pinzipo, eseguito da Raphael Gualazzi, e Rainbow di Eugenio Intemerato.

Commenti