Amy Carlson lascia Blue Bloods con un colpo di scena che ha meravigliato i fan della serie. Durante la premiere dell’ottava stagione, al via negli Stati Uniti il 29 settembre, Linda – il personaggio interpretato dall’attrice sin dall’episodio pilota dello show – muore in un tremendo incidente in elicottero.

La scomparsa di Linda, moglie del detective Danny (Donnie Wahlberg), manda in crisi il maggiore dei tre fratelli Reagan. Danny, infatti, considera seriamente l’idea di abbandonare il lavoro per stare con i figli.

Amy Carlson lascia Blue Bloods
Donnie Wahlberg e Amy Carlson (foto: Jojo Whilden / CBS)

Carlson era diventata con gli anni una presenza fissa nel family drama poliziesco CBS. Subito dopo la dipartita del suo personaggio, l’attrice ha voluto ringraziare il pubblico con un messaggio dalla sua pagina Instagram. “Il mio cuore è pieno di gratitudine per ciascuno di voi per il generoso sostegno a me e al mio personaggio durante gli ultimi sette anni di Blue Bloods”, ha scritto commossa.

Sono colpita dal vostro affetto ed entusiasmo. Mi è piaciuto interpretare Linda: moglie di Danny, madre di Jack e Sean, infermiera e mamma lavoratrice. Sono orgogliosa del contributo che ho dato a questa serie. Sono molto grata a CBS, al cast e alla crew di Blue Bloods. Ma soprattutto, sono grata ai fan che hanno sostenuto me e la serie”, ha aggiunto.

Amy Carlson lascia Blue Bloods: le sue parole

L’episodio Cutting Losses, il primo dell’ottava stagione, ha lasciato di stucco il pubblico americano. Al termine della season 7, infatti, Danny collaborava con i federali per cercare di sequestrare un ingente carico di droga controllato da un cartello messicano. La sua vita e quella della sua famiglia erano messe in serio pericolo proprio dopo che il detective aveva intercettato la cospicua somma di denaro della compravendita.

Nell’incendio di casa Reagan, Linda sembrava essere scampata alle fiamme. La premiere della nuova stagione ha invece ribaltato le previsioni. Il prossimo episodio, Ghosts of the Past, andrà in onda il 6 ottobre.

Commenti