A volte le adolescenti possono essere molto cattive. Soprattutto quando sfidano la società alla ricerca della loro identità e indipendenza.

È su questo terreno difficile e scivoloso che si muove Baby, nuova serie tv originale italiana di Netflix della quale è stato diffuso il trailer ufficiale. A giudicare da queste prime immagini, l’attesa è tanta in vista del 30 novembre, data d’esordio del progetto.

Baby trailer ufficiale serie tv Netflix

Ideata dal collettivo GRAMS con il contributo degli scrittori Isabella Aguilar e Giacomo Durzi, Baby si presenta come una coming-of-age story che racconta la vita delle teenager dei Parioli di Roma.

Una Élite nostrana, liberamente ispirata allo scandalo romano delle baby squillo. GRAMS, ovvero Antonio Le Fosse, Eleonora Trucchi, Marco Raspanti, Giacomo Mazzariol e Re Salvador, sembra abbiano fatto davvero un ottimo lavoro.

Sullo sfondo di amori proibiti, pressioni familiari e segreti condivisi, le protagoniste Chiara e Ludovica (interpretate da Benedetta Porcaroli e Alice Pagani) sono due personaggi complessi e sfaccettati.

Baby trailer ufficiale serie tv

Chiara è una ragazza inquieta e in cerca di se stessa. La ricca famiglia non l’aiuta, perché usa soldi e regali per aggirare le difficoltà di comunicazione con lei. Ludovica è invece autodistruttiva e vuole solo apparire forte davanti ai coetanei che la emarginano e la insultano.

Baby: Netflix mette in piedi un ricco cast

Soltanto con sua madre Simonetta (Isabella Ferrari) riesce ad avare un rapporto pulito. Anche se non sopporta la sua disperata ricerca di un uomo. Al loro fianco si aggirano i coetanei Damiano (Riccardo Mandolini), Fabio (Brando Pacitto), Brando (Mirko Trovato) e Niccolò (Lorenzo Zurzolo). Nel cast spiccano anche Claudia Pandolfi, Paolo Calabresi e Massimo Poggio.

Su Netflix dal 30 novembre, Baby è un progetto ambizioso e complesso, che racconta con uno stile audace le relazioni spesso complicate e il vuoto che si nasconde nei ragazzi che abitano nei quartieri migliori e frequentano i locali più alla moda.

Commenti