La politica contro I bastardi di Pizzofalcone e il bacio saffico che nella quarta puntata della serie di Rai 1 si sono scambiate la dottoressa della Scientifica Rosaria Martone (Serena Iansiti) e la poliziotta Alex Di Nardo (Simona Tabasco). A sollevare il polverone sulla licenza della scena romantica e sensuale tra le due attrici è stato nientepopodimeno che Maurizio Lupi, ex Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e attuale capogruppo alla Camera dei temutissimi deputati di Area Popolare.

I bastardi di Pizzofalcone e il bacio saffico
Simona Tabasco e Serena Iansiti

A quell’ora i bambini davanti alla televisione sono tanti”, ha detto il parlamentare. “Fino a quando noi cattolici, ma chiunque ancora creda nella funzione educativa della famiglia, dovremo finanziare con il nostro canone l’incontinenza visiva e le pulsioni ideologiche e non solo di registi e autori pagati con il denaro pubblico? Non si tratta di essere bacchettoni”, ha aggiunto. “Rai 1 ha una sua immagine e una sua tradizione, a torto o a ragione è ancora considerata una rete per famiglie”.

Politica contro I bastardi di Pizzofalcone e il bacio saffico

Su questo episodio faremo un’interrogazione in commissione di Vigilanza Rai”, ha poi annunciato. “Partirà oggi una mia lettera al presidente della Vigilanza perché il direttore di rete di Rai 1 venga convocato quanto prima per un’audizione”. Alla faccia dei quasi 7 milioni di spettatori che in media hanno seguito la serie. Insomma, un altro procedimento ai limiti dell’assurdo dopo le polemiche per il consumo di cannabis del commissario Rocco Schiavone e la scena “scomoda” di Le regole del delitto perfetto censurata da Rai 2.

Commenti