Ridate al pubblico Nonno Libero: così Lino Banfi lancia un appello per Un medico in famiglia 11. L’attore pugliese, 82 anni il prossimo luglio, ha invocato un’ultima stagione per una delle fiction più amate di Rai 1. Le sue parole sono rivolte alla direttrice di Rai Fiction, Eleonora Andreatta, e al direttore generale della Rai, Mario Orfeo.

Lino Banfi lancia un appello per Un medico in famiglia 11
Rosanna e Lino Banfi

Le ultime notizie arrivate lo scorso settembre volevano Un medico in famiglia confermato per l’undicesima stagione. Poi il brusco passo indietro con la Rai che ferma la produzione e Rosanna Banfi, figlia di Lino, che attiva una petizione per la stagione 11. La decisione era stata motivata dalla direzione di Rai Fiction con un semplice motivo: la decima stagione aveva situazioni e storyline molto telefonate, proseguire con nuovi espedienti narrativi sarebbe stata una forzatura.

Un medico in famiglia 10, inoltre, aveva subito un brusco calo d’ascolti. L’episodio conclusivo, andato in onda il 24 novembre 2016, aveva chiuso con 4,2 milioni di spettatori. Decisamente in ribasso rispetto alla precedente stagione, quando furono in 5,7 milioni davanti alla tv per l’ultima puntata. Ora è Nonno Libero in persona a tentare di far cambiare idea alla Rai.

Lino Banfi lancia un appello per Un medico in famiglia 11

Si dovrebbe fare, la dobbiamo come tributo al pubblico che ci ha voluto bene, per ventidue anni è durata ’sta storia”, ha dichiarato l’attore in diretta a Non Stop News su Rtl 102.5. “Siamo stati i primi a fare la lunga serialità che appartiene alla famiglia intera, che riguarda il padre, la madre, il nonno, tre generazioni. Ed è andata bene. Ovviamente nelle ultime puntate poi non si sa più cosa raccontare se non hai delle buone sceneggiature. Però andrebbe fatta l’ultima stagione per salutare il pubblico che ci ha voluto bene, questa è la mia opinione ma non sono io a decidere, è la Rai”.

Banfi ha anche rivelato che Milena Vukotic e Giulio Scarpati sono pronti a tornare sul set. “Quando me lo chiede la gente pare che sia io che non voglio più farlo, che ho degli impegni, o Milena Vukotic, la mia consorte, bravissima attrice, o Giulio Scarpati, che è l’altro protagonista. Noi siamo pronti, ma se non si decidono in Rai, pazienza”.

Commenti