Paradise Police è la nuova serie animata di Roger Black e Waco O’Guin che debutta il 31 agosto su Netflix. I creatori di Brickleberry amano il politicamente scorretto in stile Griffin e South Park e lo dimostrano ancora una volta con l’irriverente saga della famiglia Crawford. Il protagonista è Kevin, giovane recluta che entra nel malandato corpo di polizia guidato da suo padre, il capitano Randall. Uno ancora in servizio nonostante sia stato sparato ai testicoli (proprio dal figlio).

Paradise Police, Netflix lancia “il nuovo South Park

I suoi colleghi non sono sbirri corrotti, ma semplicemente i peggiori poliziotti possibili. Autentici idioti di una piccola cittadina statunitense ai quali i piani alti, non meno inadeguati, pensano bene di affidare un caso di narcotraffico. Gli agenti – dalla pazza dal grilletto facile Gina al nero Gerald Fitzgerald (il nome è tutto un programma) – finiscono subito per litigare tra di loro, mentre il cane antidroga Bullet, ormai assuefatto per le canne che si è fumato, assume tutti gli stupefacenti più flippanti in circolazione. Prodotto da Bento Box Animation e Odenkirk Provissiero Entertainment, Paradise PD (questo il titolo originale) è un’animazione che negli Stati Uniti ha fatto arrabbiare non poco forze dell’ordine, repubblicani e benpensanti per le battute volgari e le abbondanti dosi di violenza.

Paradise Police
Paradise Police (foto: Facebook @ParadisePDIT)

Paradise PD, uscita il 31 agosto 2018

“Sono poliziotti cattivi. Non cattivi nel senso che non vanno per il sottile. Non cattivi nel senso figo del termine. Cattivi nel senso che fanno ca*are. Quelli del Paradise P.D. sono i peggiori” hanno spiegato Black e O’Guin. La prima stagione di Paradise Police, tra le novità di Netflix che inaugurano settembre, è composta da dieci episodi. Il servizio streaming li pubblica tutti in un colpo solo: gli abbonati possono scegliere in autonomia quando e come vederli, ma la visione è consigliata ai maggiori di 14 anni. Ecco il trailer ufficiale, lanciato su YouTube da Netflix Italia.

Commenti