L’incredibile storia vera di Jared Eamons arriverà presto sui nostri schermi. Il trailer italiano alla fine dell’articolo anticipa il debutto al cinema di Boy Erased – Vite cancellate, previsto per il 7 febbraio 2019. Se volete vedere un film di denuncia, tosto e problematico, non potete perdervi l’appuntamento con la pellicola diretta da Joel Edgerton, al suo secondo lavoro da regista dopo il thriller Regali da uno sconosciuto – The Gift.

Boy Erased - Vite cancellate trailer italiano

Boy Erased – Vite cancellate racconta la storia di un adolescente alle prese con la sua identità sessuale. Ma soprattutto di un giovane uomo costretto a diventare quello che non è. Il film è infatti ispirato alla vicenda vissuta sulla sua pelle da Garrard Conley, che lo stesso ha raccontato in un libro uscito nel 2016.

Il suo libro è stato un vero e proprio omaggio al coraggio di quanti devono affrontare la traumatica esperienza della “conversione”, soprattutto in ambienti bigotti e reazionari come quelli descritti. Non a caso siamo nell’Arkansas, uno stato profondamente conservatore.

Boy Erased – Vite cancellate, il trailer italiano

Jared, il giovane protagonista interpretato da Lucas Hedges, è figlio di un pastore battista, Marshall (Russell Crowe). Arrivato al college, scopre di provare una confusa attrazione per i ragazzi. Dopo aver subito una violenza, decide di confessare la propria omosessualità a padre e madre (Nicole Kidman).

I genitori hanno allora la brillante idea di iscriverlo ad un programma di “recupero”, il Love in Action, dove Jared è sottoposto ad una terapia di conversione per “proteggerlo” da qualsiasi tentazione gay.

Boy Erased film al cinema dal 7 febbraio 2019

Il film alterna momenti duri ad altri estremamente realistici e toccanti e racconta il travaglio interiore di Jared, un trauma durato ben 14 anni.

Andrete al cinema a vedere Boy Erased – Vite cancellate? Vi ricordiamo che il film arriva in sala il 7 febbraio 2019 (distribuito da Universal Pictures) dopo il passaggio in anteprima italiana alla Festa del Cinema di Roma.

Commenti