Si avvicina l’uscita nei cinema italiani di Colette, l’atteso e chiacchierato biopic dedicato a una tra le maggiori figure letterarie della prima metà del XX secolo, prevista per il 6 dicembre 2018.

Con l’arrivo del trailer italiano, è lecito supporre che non mancheranno altri apprezzamenti. In attesa di giudicare la performance completa della protagonista Keira Knightley nel film. Qui vediamo l’ascesa di Colette dalla sua casa d’infanzia nella campagna francese al successo nella capitale Parigi.

Colette trailer italiano

In sala con Vision DistributionColette non si limiterà alla semplice esaltazione del genio letterario e poliedrico dell’autrice, ma cercherà di scavare ben oltre la figura comunemente acclamata e universalmente conosciuta.

Ben fotografato da Giles Nuttgens (già autore della fotografia di diversi film acclamati quali Hell or High Water e I segreti del lago), il film traccia un ritratto inedito di una donna libera e anticonformista che sfidò le convenzioni e i tabù dell’epoca.

Il cast del film include Knightley nel ruolo di Colette e Dominic West (The Affair, The Wire) nei panni del marito Willy. Eleanor Tomlinson e Denise Gough sono le amanti Georgie Raoul-Duval e Missy di Belbeuf, Fiona Shaw è la madre Sido.

Colette, il trailer italiano del film

Nei salotti parigini della Belle Époque, Colette scoprì una vita coniugale fatta di piacere, passione e tradimenti che le ispirò una serie di racconti autobiografici. Questi racconti, pubblicati a nome del marito, raccolsero enormi consensi e la figura di Claudine divenne un’icona per le donne parigine.

Quando Willy, per debiti di gioco, svendette i diritti di Claudine, Colette ebbe il coraggio di lasciarlo. Ma soprattutto pubblicò i racconti a suo nome, diventando una delle autrici francesi più conosciute al mondo.

Il confronto con una figura reale e osannata è sempre una grande sfida, ma guardando le immagini e il trailer di Colette la qualità non sembra certo mancare.

Che ne pensate? Lo andrete a vedere? Se volete saperne di più, leggete il nostro approfondimento.

Commenti