Kino Swiat ha diffuso online il trailer di Kler, il film caso che ha turbato la Polonia. Una commedia acida sicuramente da segnalare perché ha sollevato un polverone in patria ma al tempo stesso ha sfondato al botteghino, nonostante abbia anticipato l’uscita prima delle festività natalizie.

Il trailer, che potete ammirare in fondo dell’articolo, lascia presagire la storia di questo film che si preannuncia davvero interessante e che è stato accolto con grande successo al Gdynia Film Festival, uno dei più antichi eventi cinematografici che promuove la cinematografia polacca.

Kler trailer

Ad interpretare i protagonisti sono quattro attori amatissimi nel Paese, mentre il regista è Wojciech Smarzowski, un autore che da sempre affronta storie ispide e complesse. Anche stavolta non è da meno perché al centro del suo racconto c’è il pilastro dell’identità nazionale polacca: la Chiesa cattolica.

La storia ruota, infatti, intorno a tre sacerdoti. Alcuni anni prima, dei tragici eventi hanno intrecciato le loro esistenze. Con il tempo, a ogni anniversario della catastrofe a cui sono miracolosamente scampati, si riuniscono per celebrare la loro sopravvivenza. Ovviamente a base di vodka.

Kler: il trailer del film caso in Polonia

Lisowski (Jacek Braciak) è un prete arrivista che vuole scalare il potere e arrivare in Vaticano. Trybus (Robert Więckiewicz) è un don di campagna che cede ai vizi della carne, specie se minorenne. Kukule (Arkadiusz Jakubik) è un sacerdote che proprio non riesce a conquistare la fiducia dei suoi parrocchiani. Tra loro c’è l’arcivescovo Mordowicz (Janusz Gajos), che vuole solo arricchirsi con la costruzione di un grande santuario. Quando le esistenze dei tre si fondono ancora una volta, gli eventi avranno un forte impatto nelle loro quotidianità.

Scritto da Smarzowski con Wojciech Rzehak, Kler è stato distribuito dalla Kino Swiat in tutto il Paese: nonostante il boicottaggio, ha portato al cinema due milioni di spettatori in una sola settimana. Se vuoi saperne di più sul film (e sulle polemiche che ha suscitato), leggi il nostro approfondimento. Nella speranza di poterlo vedere al più presto anche in Italia.

Commenti