Videa ha lanciato il trailer ufficiale di Nome di donna, il nuovo film di Marco Tullio Giordana che affronta il tema delle molestie sul luogo di lavoro. La storia delicata e piena di forza di Nina, interpretata da Cristiana Capotondi, inizia in un piccolo paese della Lombardia, dove questa giovane infermiera si trasferisce da Milano.

Nina ha trovato lavoro in una residenza per anziani facoltosi. Un mondo elegante, quasi fiabesco. Che cela però un segreto scomodo e torbido. Quando Nina lo scoprirà, sarà costretta a misurarsi con le sue colleghe, italiane e straniere, per affrontare il dirigente della struttura, Marco Maria Torri (Valerio Binasco) in un’appassionata battaglia per far valere i suoi diritti e la sua dignità.

Nome di donna trailer
Cristiana Capotondi

Una vicenda appassionata sul diritto di essere donna, sceneggiata da Cristiana Mainardi ispirandosi ad argomenti spinosi del mondo di oggi come la mancata solidarietà tra colleghe e un universo maschile ricattatore e prepotente. “Non è un film di ‘denuncia’, l’ultima cosa al mondo che m’importa è fare il moralista”, ha raccontato Giordana.

Nome di donna, il trailer ufficiale

Il film indaga più che sul ‘fatto’, sul sasso lanciato nello stagno, sulle conseguenze che ne derivano, sui cerchi che si allargano fino a lambire sponde anche molto lontane. Una di queste è l’ostilità che immediatamente avvolge la vittima, l’insinuazione che ‘se la sia cercata’, la solitudine in cui si trova chi non intende sottostare. Un film che racconta l’omertà, la compiacenza, il disonore generale e il coraggio invece di una giovane donna che sfida tutto questo e si ribella dimostrandosi più forte del luogo comune”.

Oltre a Capotondi, vista di recente in tv nei panni di Renata Fonte, nel cast del film sono presenti anche Bebo Storti, Stefano Scandaletti, Michela Cescon, Laura Marinoni e Anita Kravos. Prodotto da Lionello Cerri e Hengameh Panahi per Lumière & Co con Rai Cinema e distribuito da Videa, Nome di donna sarà in sala dall’8 marzo, in occasione della Giornata internazionale della donna.

Commenti