Apocalypsis Film ha lanciato il trailer ufficiale di Rabbia furiosa, terzo film da regista di Sergio Stivaletti. L’effettista che nella sua lunga carriera ha ideato e creato personaggi, creature e mostri per autori come Dario Argento, Michele Soavi e Lamberto Bava, ha scelto una delle pagine più cruenti della cronaca nera degli anni Ottanta per il suo ritorno al cinema: la storia del Canaro della Magliana. Ambientato nella Roma dei nostri giorni, il thriller rievoca l’omicidio di un criminale da parte di un toelettatore per cani e piccolo spacciatore.

Rabbia furiosa, il trailer del film di Stivaletti

Fabio (Riccardo De Filippis, lo Scrocchiazeppi di Romanzo criminale – La serie) ha appena scontato otto mesi nel carcere di Rebibbia al posto del suo amico Claudio (Virgilio Olivari), ex pugile e delinquente di piccolo calibro che ambisce a diventare il boss del Mandrione. Tra piccoli traffici di droga e combattimenti di cani, Claudio costringe il suo amico ad aiutarlo, effettuando clandestinamente piccole operazioni chirurgiche e medicazioni nel retrobottega della sua toeletta per cani.

L’amicizia tra Fabio e Claudio è molto ambigua, quasi malata. Claudio a volte agisce con estrema cattiveria nei confronti di Fabio che spesso subisce senza reagire. Un giorno Fabio, al colmo dell’esasperazione, dà sfogo alla sua atroce vendetta, mettendo in atto il più efferato omicidio mai riportato dalle cronache.

Rabbia furiosa trailer film Stivaletti
Riccardo De Filippis è Er Canaro

Rabbia furiosa: trailer del film, al cinema dal 7 giugno

“Sono sempre stato affascinato dai film in cui il personaggio centrale dopo lunghe vessazioni ed ingiustizie trova finalmente la forza di vendicarsi, facendosi giustizia da solo per poi oltrepassare un limite normalmente invalicabile sconfinando nella crudeltà pura”, ha raccontato Stivaletti. “Mi hanno in questo ispirato da sempre i western di Sergio Leone e molte pellicole dei cosiddetti poliziotteschi che hanno rappresentato un vero e proprio genere. Altre fonti di ispirazione sono i film in cui un debole a cui viene sottratta la dignità finisce per trovare una energia ed una forza inspiegabili che gli consentono di sopravvivere e farsi giustizia. Chi non ricorda il Dustin Hoffman di Cane di paglia? O Alberto Sordi nel Borghese piccolo piccolo? L’idea di Rabbia furiosa si rifà in parte a quei film e in una parte più consistente trae invece ispirazione da un famoso fatto di cronaca degli anni Ottanta in cui a Roma la follia ebbe il sopravvento e trasformò un uomo incline alla sottomissione in un feroce assassino”. Un evento che ha ispirato anche Matteo Garrone e il suo Dogman. Rabbia furiosa è al cinema dal 7 giugno.

Commenti