Remi è uno dei classici per ragazzi più amati di tutti i tempi. Il libro di Hector Malot è ora diventato un film live-action con Maleaume Paquin e Daniel Auteuil.

Sin dalle prime immagini, il trailer italiano fa rivivere la magia dei precedenti cinematografici e dei cartoni animati giapponesi che hanno incantato intere generazioni di spettatori.

Remi trailer italiano online

Remi racconta le avventure del giovane orfano e la sua vita al fianco del musicista girovago Vitalis e dei suoi inseparabili compagni: il fedele cane Capi e la scimmietta Joli-Couer.

Uno straordinario ed emozionante viaggio attraverso la Francia, fatto di incontri e nuove amicizie che porteranno Remi a scoprire le sue vere origini.

Uscito nelle sale francesi il 12 dicembre 2018, Rémi sans famille (questo il titolo originale) è balzato subito in testa al box-office, battendo il cartoon Spider-Man: New Generation.

Le avventure del giovane orfano hanno portato in sala in un solo giorno 52.984 persone, per una media standard di 88 spettatori. Un risultato lusinghiero, viste e considerate le migliaia di visualizzazioni che il film ha fatto su YouTube sin da quando è stato postato il suo teaser trailer.

Remi trailer italiano

Remi film al cinema dal 7 febbraio 2019

Scritto e diretto da Antoine Blossier, il film vede nel cast anche Virginie Ledoyen (la signora Harper), Jonathan Zaccaï (Jérôme Barberin), Jacques Perrin (Remi da anziano), Ludivine Sagnier (la signora Barberin) ed Albane Masson (Lise).

Blossier ha ammesso di aver voluto realizzare un adattamento fedelissimo all’opera originale per rendere omaggio ad un gigante della letteratura francese come Hector Malot.

Le musiche magiche ed appassionanti sono state eseguite da Romaric Laurence, che si è occupato della colonna sonora. Laurence ha già composto score per film come Taxxi 4, Ong-Bak – Nato per combattere e In fuga col cretino.

Remi arriverà nei cinema italiani il 7 febbraio 2019, distribuito da 01 Distribution. Che ne pensate di questo trailer? Se volete saperne di più, leggete il nostro approfondimento.

Commenti