Eagle Pictures ha lanciato il trailer italiano di Detroit, il nuovo film di Kathryn Bigelow che rievoca uno dei più tragici e sanguinosi episodi della storia statunitense.

La regista di Point Break e Strange Days, prima e unica donna ad ottenere il premio Oscar per la miglior regia con The Hurt Locker, torna dietro la macchina da presa a cinque anni da Zero Dark Thirty.

Il film ricostruisce le rivolte che hanno attraversato le strade della metropoli americana esattamente cinquant’anni fa, fra il 23 e il 27 luglio 1967. Gli anni della guerra nel Vietnam e dell’ingiustizia razziale.

trailer italiano di Detroit
John Boyega

Due notti dopo l’inizio delle sommosse, la presenza di armi da fuoco in prossimità di un’area della Guardia Nazionale ha indotto polizia, esercito e una guardia privata locale a occupare un edificio nei pressi dell’Algiers Motel.

Messe da parte le regole procedurali, i poliziotti hanno interrogato, intimidito e torturato le persone presenti per portarle alla confessione.

La situazione, però, è sfuggita di mano: all’alba, si sono contati tre giovani neri disarmati uccisi, sette uomini neri e due donne bianche brutalmente picchiati.

Online il trailer italiano di Detroit di Kathryn Bigelow

Bigelow ci porta al centro del racconto attraverso il punto di vista dei protagonisti. John Boyega (Finn in Star Wars – Il risveglio della Forza) è Melvin Dismukes, una guardia privata il cui compito è difendere un negozio di alimentari dai saccheggiatori. Finisce subito con l’essere coinvolto dal caos nel motel.

Algee Smith è Larry Reed, il cantante del gruppo The Dramatics che aveva preso una stanza all’Algiers con l’amico Fred Simple (Jacob Latimore). Will Poulter è Philip Krauss, il poliziotto che conduce gli interrogatori mortali.

Nel ricco cast sono presenti in vari ruoli anche Anthony Mackie e Jack Reynor, Hannah Murray e John Krasinski. Detroit, che sarà presentato alla dodicesima edizione della Festa di Roma, è uscito negli Usa il 4 agosto (ecco il trailer originale). In Italia sarà al cinema dal 9 novembre.

Commenti