Svanita svampita naïf ingestibile quello che volete, ma come canta Arisa a Sanremo 2019 nessuna mai“: lo scrive Selvaggia Lucarelli durante la seconda puntata del Festival, in onda mercoledì 6 febbraio alle 20.45. La cantante era una delle più attese del contest, e sul palco si è presentata con ‘Mi sento bene’, un vero e proprio inno che rispecchia il suo percorso di vita più recente.

Arisa a Sanremo 2019 si sente bene: ecco perché

Prosegue la kermesse musicale tra apprezzamenti e critiche (guarda qui ascolti della prima puntata) e arriva il turno della seconda tranche di esibizioni. In occasione della conferenza stampa di routine, l’interprete di ‘Sincerità’ ha annunciato a gran voce che c’è “Una nuova Rosalba in città” in tutti i sensi: da un lato, infatti, è il nome del nuovo disco disponibile dall’8 febbraio.

Dall’altro, è la testimonianza che la sua performance a Sanremo segna anche un nuovo approccio alla sua vita: “Nella mia vita c’è stato un momento di malinconia quando ho raggiunto la popolarità e riabbracciare le mie radici ho capito che è l’unico modo per stare bene“.

Una riflessione su di sé e tanta voglia di cambiamento: “Mi ponevo troppe domande: bisogna essere profondi nel presente, utilizzando la propria sensibilità per rendere i rapporti sempre più ricchi e intensi“.

Quanto conta l’estetica rispetto al talento, al giorno d’oggi? “La bella presenza fa sì che un concetto passi meglio – risponde la cantante – Chi ha letto ‘Il piccolo principe’ sa cosa intendo. Chi non si trascura, non vanifica gli sforzi e l’impegno profuso per veicolare un messaggio“.

Cosa farebbe se vincesse il Festival?

Dopo la sua esibizione partono le prime scommesse che la vedono al primo posto del Festival: “Se vincessi il Festival – si sbilancia – parteciperei all’Eurovision Song Contest con questa canzone oppure con “Il futuro ha bisogno d’amore”, un brano che fotografa la realtà dei giorni nostri, ma personalmente propendo per la prima opzione“.

 

Commenti