Corrado Augias è uno dei volti di punta di Rai 3 ma il suo stipendio, emerso nel corso dell’ultimo CdA della Rai, ormai prossimo alla scadenza, fa discutere. Il giornalista è andato in onda ogni giorno alle 12.45 sulla terza rete del servizio pubblico con Quante storie, programma di libri e attualità. La cultura in tutte le sue forme, con Natalia Aspesi e il linguista Giuseppe Antonelli, non è così travolgente in termini d’ascolti: nel daytime di mezzogiorno, la trasmissione – l’edizione 2017/2018 si è conclusa l’8 giugno scorso – ha tenuto una media di 800 mila spettatori e di share tra il 6 e il 7%. Numeri buoni per un talk di qualità, se non fosse che il compenso del conduttore ha provocato mormorii tra gli addetti ai lavori di Viale Mazzini.

Corrado Augias, lo stipendio fa discutere

Secondo quanto riportato da Davide Maggio, Augias avrebbe percepito per Quante storie uno stipendio simile a quello delle grandi star della tv d’informazione e intrattenimento. Il sito web parla di 240 mila euro (il massimo previsto dal tetto sugli ingaggi Rai), cifra alla quale vanno aggiunti i diritti d’immagine. Si arriva quindi a 300 mila euro complessivi.

Corrado Augias stipendio
Corrado Augias (foto: Facebook @QuanteStorieRai3)

Quante storie, Rai 3 e il picco massimo aziendale

Nel 2017, aveva suscitato innumerevoli polemiche lo scoop del quotidiano La Stampa, che aveva pubblicato i dati sugli stipendi dei conduttori Rai. Nel settore dell’informazione tv, Piero Angela guadagna 1,8 milioni all’anno, Lucia Annunziata percepisce 1,38 milioni per Mezz’ora in più. Le cifre inferiori (sotto il milione) erano riservate solo a Massimo Giletti (passato poi a La7) e Michele Guardì. Per Quante storie, lamentano in molti, dovrebbe valere il rapporto costi/benefici: il programma è conforme agli obiettivi di rete? Corrado Augias “merita” il picco massimo aziendale con la sua trasmissione? Questioni scottanti per il nuovo CdA che si insedierà a breve.

Commenti