Drupi e Mia Martini erano amici di vecchia data. Dopo il film tv Io sono Mia e i tanti omaggi che hanno ricordato una delle voci più significative nella storia della musica italiana, il cantautore pavese ha rotto il silenzio sul suo rapporto con la collega. E lo ha fatto con dichiarazioni destinate a far discutere.

C’è un limite all’ipocrisia dei brutti stronzi che vantano amicizie immaginarie. Ormai è pieno. Ora tutti la conoscevano, tutti le erano amici. E cavalcano l’onda. Quando a frotte all’epoca, nell’ambiente, la schifavano”, ha raccontato in un’intervista concessa al settimanale Oggi.

Drupi Mia Martini: amicizia e ricordi dolorosi

Giampiero Anelli (questo il vero nome del cantante) ha rivelato che negli anni Settanta e Ottanta, quando Mimì entrava in sala di registrazione, in tanti “si toccavano gli attributi per fare gli scongiuri, oppure la chiamavano ‘l’Innominabile’. Forse dovrei tacere per non fare anche io la figura di quello che… Ma è uno sfogo d’istinto che le devo”.

Dopo i primi passi nel mondo della musica, infatti, Drupi fece il suo esordio a Sanremo proprio grazie a Mia.

Drupi Mia Martini

Mia Martini film scatena reazioni controverse

Era il 1973. Io, agli inizi, sconosciuto, bazzicavo la Ricordi a Milano, ma stavo quasi per mollare il colpo”, ha ricordato. “Mia all’epoca era la regina dell’etichetta. Un giorno mi chiesero di incidere il provino del pezzo che lei avrebbe dovuto portare a Sanremo: Vado via di Enrico Riccardi e Luigi Albertelli. Alla fine però non se la sentì di andare e i discografici le dissero: ‘Perché non ci mandiamo quel ragazzino che ha fatto il provino?’”.

Vado via si classificò ultima e Drupi era sul punto di tornare a fare l’idraulico, ma il brano scalò le classifiche di vendita diventando una hit, non solo in Italia, ma soprattutto in Francia. Un successo al quale contribuì in maniera decisiva la Martini: è bene ricordarlo, come ha fatto Serena Rossi a Sanremo 2019 con il suo monologo (misteriosamente tagliato).

Ecco l’esibizione di Drupi a Sanremo 1973, disponibile su YouTube.

Commenti