Flavio Insinna conduce L’Eredità e a spaccarsi non è solo l’opinione pubblica. Anche negli uffici di Viale Mazzini si respira un certo malcontento. Da un lato la redenzione e il ritorno con tutte le migliori premesse di chi sa di aver sbagliato, dall’altro un’azienda pubblica che non può permettersi passi falsi. Ricordiamo che L’Eredità è orfana, ormai da qualche tempo, del suo conduttore di sempre Fabrizio Frizzi, venuto a mancare lo scorso mese. A sostituirlo, per ora, l’amico Carlo Conti che a breve migrerà verso nuovi progetti.

Flavio Insinna conduce L’Eredità: non tutti sono favorevoli al suo ritorno

Inizialmente l’ufficio stampa del conduttore ha smentito la notizia (data la mole di critiche ricevute dal web), ma poi tutto è stato ufficializzato da Tv Sorrisi e Canzoni: Flavio Insinna all’Eredità ci sarà. Una crepa profonda si fa strada ai vertici della tv di Stato: qualcuno definisce il conduttore l’anti-Frizzi per eccellenza, a causa dei suoi modi di fare poco gentili e per lo stile televisivo molto distante da quello del collega scomparso. Pareri negativi sono arrivati addirittura da Rai Pubblicità, da alcuni membri del Cda Rai e non solo. Mario Orlando, comunque, sembra deciso a proseguire per questo sentiero.

flavio insinna conduce l'eredità
Flavio Insinna conduce L’Eredità: voleva soffiare il posto a Frizzi?

Non si tratterà di una sostituzione temporanea: Insinna ci resterà a lungo a L’Eredità, dato che a fine maggio Carlo Conti abbandonerà lo show. Il conduttore toscano, comunque, resterà a disposizione del programma come consulente autoriale. C’è solo da sperare che il game show di Rai 1 non ne risenta, dato che Insinna è reduce da numerosi attacchi da parte di opinione pubblica e Striscia La Notizia, senza considerare gli ascolti bassissimi dei suoi ultimi programmi.

Insinna puntava da tempo a L’Eredità? La confessione di Frizzi prima di andarsene

La giornalista Tiziana Lupi del quotidiano Avvenire confessò, dopo la morte di Frizzi, un segreto che il conduttore le aveva confidato: “L’anno scorso Fabrizio mi aveva confidato che un collega stava tentando di soffiargli la conduzione de L’eredità o, almeno, condividerla con lui. Naturalmente era molto arrabbiato, ma non per il programma in se stesso quanto perché quell’azione veniva da qualcuno che si professava suo amico…“. Non siamo certi si parli di Insinna, ma la curiosità sull’identità del personaggio resta viva.

Commenti