Flavio Insinna sarà il nuovo conduttore di L’Eredità. Manca soltanto la conferma ufficiale, che dovrebbe arrivare tra la fine di giugno e l’inizio di luglio alla presentazione dei palinsesti Rai per la stagione 2018/2019. Un annuncio che il magazine TvBlog riporta in anteprima. Secondo il sito web, “Insinna è un professionista che ha navigato a lungo nel mondo dello spettacolo dimostrando il suo talento, talento però che non può e non deve per forza sempre bastare. Occorrerebbe in questo frangente tanto buon senso, da parte di tutti”.

Flavio Insinna, L’Eredità si avvicina

Insomma, i dubbi e le perplessità sulla scelta dei vertici Rai sono numerosi. Il celebre fuorionda di Insinna ad Affari tuoi, rivelato da Striscia la Notizia, è ancora fresco nella memoria degli spettatori. Soprattutto, l’attore romano verrebbe dopo Fabrizio Frizzi, il cui ricordo è troppo vivo nel pubblico. Eppure, le sue lacrime e la lettura di Amicizia di Jorge Luis Borges ai funerali di Fabrizio hanno commosso tutti. Il testimone era stato raccolto da Carlo Conti, che lo ha fatto per amicizia verso Fabrizio ma ha altri progetti per il futuro. Lo ha ricordato nell’ultima puntata di questa edizione, ricordando Frizzi: “Sono tornato a L’Eredità e ho portato avanti nel modo migliore, di mestiere, con una ferita nel cuore, come tutti voi, questo programma. Adesso vi salutiamo e vi diciamo: ci vediamo a settembre”.

Flavio Insinna Eredità
Flavio Insinna (foto: Instagram @fabriziodeblasio)

Flavio Insinna oggi: ritorno al preserale di Rai 1

L’Eredità tornerà quindi in onda dopo la metà di settembre. Resta il dubbio: il discusso cambio di conduzione potrebbe far crollare il game show Magnolia negli ascolti? Ricordiamo che Insinna e Frizzi erano grandi amici. Giocando durante un Pesce d’Aprile, nel 2015, Flavio e Carlo Conti si scambiarono addirittura i ruoli alla conduzione dei loro programmi. “Io, Flavio, ti sostituisco indegnamente… però domani mi riprendo L’Eredità”, disse Conti. Rivedendo quelle immagini (il video è disponibile su Dailymotion), si nota che Insinna era a suo agio nello spirito dell’Eredità. Un segnale per il futuro?

Commenti