Sono passati 11 mesi dalla sua eclatante vittoria della scorsa edizione: all’alba di un nuovo Festival, ecco come si sente Gabbani dopo Sanremo 2017 e il successo che gli ha portato Occidentali’s Karma.

Francesco Gabbani dopo Sanremo 2017: “La scimmia mi ha rotto le scatole”

Una hit che, dopo aver vinto il primo posto della kermesse, è entrata nel cuore degli ascoltatori italiani, che l’hanno ascoltata ben 173 milioni di volte sul web! Dopo di lei è venuta ‘Granate e granite’, ‘Pachidermi e pappagalli’ e ‘La mia versione dei ricordi’, brano intimo e sentimentale il cui video sembra ricordare Last Christmas degli Wham:

Intervistato dal Corriere a proposito di questo ultimo singolo, il cantante ha parlato di uno dei suoi primi ricordi: «Il senso di angoscia e di abbandono quando mio padre usciva di casa per andare a lavorare, nel negozio di strumenti musicali che abbiamo ancora, a Carrara. Poi arrivava mio nonno Sergio a farmi smettere di piangere. C’è ancora, ha 94 anni».

Francesco Gabbani dopo Sanremo 2017 ha potuto dedicarsi pienamente alla sua carriera musicale. Non molti sanno, infatti, che quella vittoria è stata decisiva: «Era la terza volta che provavo. Mi scartarono al Sanremo della Clerici, poi a quello di Morandi. Mi son detto: basta, proviamo ancora questa volta, poi cambio mestiere. E se non fosse per Carlo Conti e Massimo Giletti, sarei a badare alle mucche in alta Val Badia, il mio luogo dell’anima»

gabbani dopo sanremo 2017

Ma come vive, attualmente, il suo rapporto con la canzone che lo ha portato al successo e che – come ogni hit che si rispetti – è diventata un tormentone e la scimmia del video è diventata così iconica? «Mi ha rotto un po’ le scatole. Pare quasi che Sanremo l’abbia vinto lei… (la scimmia, n.d.r.)  Ancora adesso trovo gente che dice: “Guarda, c’è quello della scimmia!”. Per carità, l’ho voluta io, come rappresentazione del mio alter ego, di una seconda coscienza; e anche come omaggio alla scimmia nuda di Desmond Morris. È stato un espediente per attirare l’attenzione; e una parte del pubblico ne ha anche compreso il significato. Ma ora basta»

Quel magico  momento con il filosofo che ha ispirato il testo di Occidentali’s Karma

La grande attenzione verso il suo testo, però, lo ha anche portato a conoscere Desmond Morris, che ha giudicato una “meraviglia la sua canzone”: «Un grande – commenta – Ha ragione lui: dietro la nostra emancipazione intellettuale, ogni gesto mira a soddisfare i nostri istinti animali».

 

 

 

 

 

 

Commenti