Iva Zanicchi giurata a Sanremo Young ma non al Festival. È questo il curioso paradosso dell’aquila di Ligonchio, che ha accettato di far parte della giuria del talent condotto da Antonella Clerici ma ha sparato a zero contro la 68° edizione della kermesse.

Il debutto di Sanremo Young è previsto su Rai 1 per venerdì 16 febbraio 2018. Dedicato ai giovanissimi nati nel nuovo millennio, il programma vedrà 12 cantanti sfidarsi sul palco dell’Ariston già dalla prima serata, interpretando canzoni famose composte da grandi autori. Zanicchi farà parte dell’Academy che li giudicherà insieme al televoto del pubblico a casa.

Iva Zanicchi giurata a Sanremo Young
Iva Zanicchi e Claudio Baglioni

Accanto a lei, dovrebbero esserci – ma non sono ancora stati confermati – Mara Maionchi, Morgan e Gigi D’Alessio. “Mara Maionchi mi diverte, cercherò di contenermi visto che c’è lei le parolacce le farò dire solo a lei”, ha detto Iva ai microfoni della trasmissione radiofonica Un giorno da pecora. “Gigi D’Alessio, ragazzi, è popolarissimo. Sicuramente litigherò con Morgan”.

Punzecchiata dai conduttori Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, la cantante si è poi tolta qualche sassolino dalla scarpa. Il motivo? Non è tra gli ospiti invitati, dagli internazionali James Taylor, Sting e Shaggy agli italiani Il Volo, Laura Pausini, Biagio Antonacci, Gianni Morandi, Gianna Nannini, Negramaro, Giorgia e il trio Max Pezzali, Nek e Francesco Renga.

Iva Zanicchi giurata a Sanremo Young (ma al Festival…)

Ma che ospite, ma che ospite. No, non ho la presunzione di essere ospite”, ha ribadito. “Per essere ospiti a Sanremo, adesso dico una bestialità ma è la verità, bisogna essere un po’ di sinistra, io non lo sono e non sarò mai ospite”. Zanicchi, tuttavia, è sicura di partecipare come concorrente all’edizione del 2019: “Andrò con una canzone che ho già, bellissima. Se ci va la Vanoni…”.

L’ultima apparizione della cantante sul palco dell’Ariston risale al 2009. Anche in quell’occasione ci furono polemiche a non finire. Zanicchi era in gara con il brano Ti voglio senza amore, scritto da Franco Fasano e Fabrizio Berlincioni ma, nella prima serata, venne eliminata dalla competizione.

In seguito disse di essere stata fortemente penalizzata dal monologo di Roberto Benigni, durante il quale il comico toscano, ospite del Festival, aveva insistentemente bersagliato il testo della canzone, mortificandone l’aspetto drammatico. “Ha detto cose infamanti su di me e su Berlusconi”, dichiarò in tale occasione. “Sono stata trattata in un modo indecente, indecoroso, dal signor Benigni. Ha detto delle mostruosità”.

Commenti