I funerali di Jimmy il Fenomeno si sono celebrati a Milano l’8 agosto. L’attore, caratterista con la faccia da schiaffi che ha attraversato quarant’anni di cinema italiano, è morto all’età di 86 anni nella residenza per anziani dove viveva da 15 anni, costretto sulla sedia a rotelle da gravi problemi di salute. L’autore televisivo Adriano Bonfanti, che aveva lavorato con lui ai tempi di Drive In, ha raccontato quanto accaduto in occasione dell’ultimo saluto a Luigi Origene Soffrano (questo il suo nome all’anagrafe): neanche un collega era presente alle esequie.

Jimmy il Fenomeno, funerali deserti

“Per chi non c’era, se a qualcuno interessa, ecco l’ultima apparizione di Jimmy il Fenomeno, stamattina”, ha scritto Bonfanti su Facebook. “Pochissima gente, nessun collega, dimenticato come in questi ultimi anni. Normale. Io ero in rappresentanza di quelli del Drive In e di amico. Buon viaggio, Jimmy”.

Ai funerali c’erano solo gli amici più stretti: di cinema e tv, nessuno. Almeno nessun volto noto. È questo l’atteggiamento che il mondo dello spettacolo ha riservato al clown della Dolce vita. Eppure capitava ancora di incontrarlo tra Rimini e Riccione, hanno ricordato in molti sui social, felice e dalla fisicità prorompente e prodiga di abbracci a tutti.

Jimmy il Fenomeno funerali
I funerali di Jimmy il Fenomeno (foto: Facebook @adr.bon.52)

Jimmy il Fenomeno è morto dimenticato da cinema e tv

Jimmy il Fenomeno è morto dimenticato da tutti. Come accaduto negli ultimi anni di vita. Nel 2010, infatti, aveva lanciato un appello per avere il sussidio della Legge Bacchelli. Negli ultimi tempi, l’attore viveva su una sedia a rotelle nell’istituto Casa per coniugi di Milano. “Qui mi trovo bene, e ho anche una piccola pensione sociale e d’accompagnamento – spiegò a Tv Sorrisi e Canzoni – ma detratte le tante spese di assistenza mi restano solo 120 euro al mese. Devo pur vivere. Solo gli stupidi sottovalutano i benefici della comicità e del sorriso. Ho avuto molto dallo spettacolo, ma credo che anche questo Paese mi debba qualcosa”.

Commenti