Sembrava uno di quei romantici momenti delle commedie d’amore in cui una coppia che in precedenza si era allontanata si trova a passare un week-end insieme in un posto da sogno (una baita sulle Dolomiti, ad esempio), e come per magia tutto si risolve e vissero felici e contenti: niente che sia successo, purtroppo, a Laura Torrisi e Leonardo Pieraccioni.

I due attori – compagni di set nel film “Una moglie bellissima” – hanno deciso di trascorrere le vacanze insieme alla loro figlia Martina. Tra i vari scatti social della bella ex del regista toscano, è spuntata anche una foto di lei, da sola, su un divano, che guarda in basso. Ad accompagnarla, una curiosa poesia/didascalia che recita così:

La strana dedica di Laura Torrisi a Leonardo Pieraccioni (?)

Finalmente sei tornata.
In te, intendo. Era ora.
Mi stavi annoiando
con tutti questi sogni,
questa meraviglia,
questa idea malsana di anime
che danzano all’unisono.
La musica è finita.
Tutte quelle illusioni
con i tuoi “per sempre” :
menzogne per ingenui.
Sei vecchia e stanca.

laura-torrisi-e-leonardo-pieraccioni
Non dibatterti, rassegnati;
i sentimenti non si inventano:
o ci sono o non ci sono.
Basta.
Finiti i canditi.
Ce l’hanno fatta tutti prima di te,
imperatori e straccioni.
Punto.
A capo.
E via di nuovo tra le stelle.”

È stato quel “i sentimento non si inventano” e “la musica è finita” a far pensare a tutti i fan che queste parole in realtà descrivano per filo e per segno la fine della storia tra Laura Torrisi e Leonardo Pieraccioni. Che sia un messaggio subliminale di una donna disillusa, che soffre e che si è rassegnata ad aver perso un grande amore?

Una storia d’amore che fa ancora soffrire

In realtà, da quanto possiamo ricordare (attraverso questo approfondimento) sembrava più lui quello che ha accusato maggiormente il colpo della rottura. Ma in amore, si sa, niente è come sembra e gli equilibrio spesso si capovolgono…Che sia stata o meno una citazione voluta e specifica, lo scopriremo. Soprattutto se Pieraccioni deciderà di rispondere per le rime a queste velate riflessioni.

Commenti