Sorprendono le parole di Milly Carlucci su Maria De Filippi a Che tempo che fa. L’ospitata da Fabio Fazio della conduttrice di Canale 5 in effetti aveva sorpreso il pubblico di Rai 1. Una presenza così “ingombrante” non poteva passare sotto silenzio. Soprattutto per il volto storico di Ballando con le Stelle, che ogni sabato sera tiene accesa la sfida degli ascolti con l’ammiraglia Mediaset. Capitanata proprio da Queen Mary, prima con C’è posta per te e ora con il serale di Amici. In un’intervista concessa a Vanity Fair, Carlucci ha espresso un certo disappunto (non soltanto suo, ma di tutto il gruppo di lavoro di Ballando) per questa strana scelta aziendale.

Milly Carlucci su Maria De Filippi a Che tempo che fa

Io non ho avuto una reazione particolare”, ha dichiarato Milly. “So che sono cose che si fanno, come l’ospitata della Littizzetto su Canale 5: in tv ognuno promuove ciò che vuole. Ho trovato però una reazione molto accorata nel mio gruppo di lavoro. Per la squadra di Ballando questo intervento è stato spiazzante, molti si sono domandati: ‘Aiuto, questa cosa avrà delle ripercussioni sulla nostra performance di sabato sera?’. Perché comunque si è dato uno spazio di promozione molto importante a un’altra trasmissione”.

Milly Carlucci su Maria De Filippi a Che tempo che fa
Milly Carlucci e Maria De Filippi (foto: Instagram)

Maria De Filippi: Che tempo che fa nel mirino di Milly Carlucci

Ho detto di continuare a pensare come sempre al nostro lavoro – ha aggiunto la conduttrice – e di farlo alla grande. La mia unica preoccupazione è che il pubblico di affezionati che ci segue ormai da tredici anni non si annoi, non abbia mai la sensazione che abbiamo tirato i remi in barca. Anche perché noi siamo capaci di fare la diretta con una disinvoltura che ormai si è persa in tv”. Il sottile riferimento è, ancora una volta, alla concorrente. C’è posta per te, infatti, era registrato, mentre Amici è in diretta ma alla sua prima puntata ha rimediato una sonora sconfitta Auditel. Per poi concludere con un accorato atto d’amore verso l’azienda (non i suoi dirigenti): “La ‘vera’ Rai sono le maestranze, i tecnici, i funzionari che lavorano qui da quarant’anni”.

Commenti