Pio e Amedeo alla finale di Amici 2018 hanno divertito il pubblico a casa e in studio ma non si sono fatti amare proprio da tutti. Nelle ore in cui si consumava il dramma della nave Aquarius respinta dai porti italiani, in navigazione nel canale di Sicilia da tre giorni con 629 migranti a bordo, tra cui minori, bambini e donne incinte, i due hanno scelto di inserire anche la stringente attualità nel loro sketch. Gli scrocconi di Emigratis, amanti del politicamente scorretto, sono stati chiamati da Maria De Filippi per alleggerire la tensione del talent, che ha visto il trionfo del cantante Irama.

Pio e Amedeo alla finale di Amici 2018

I comici foggiani hanno esordito in maniera leggera: hanno voluto conoscere il “terzo segreto” di Maria, ovvero il mestiere di Gianni Sperti sulla carta d’identità. Poi hanno ironizzato sul polverone alzato da Matteo Salvini sull’accoglienza dei migranti. E qui la gag non è stata delle migliori. Pio e Amedeo hanno iniziato a far girare fra i giurati il cestino delle offerte per una onlus creata ad hoc per sostenere le loro due famiglie. “Dai, tu che sei arrivato dall’Albania con il gommone e ti abbiamo aiutato, sgancia un po’ di soldi”, hanno detto ad Ermal Meta. “Matteo, vedi che questi ragazzi sono bravi, non li cacciamo via”, hanno dichiarato in camera a Salvini. Imbarazzo sul volto del cantautore. Ma non è finita qui.

Pio e Amedeo alla finale di Amici 2018
Pio e Amedeo con Ermal Meta (foto: Facebook @pioeamedeofficial)

Pio e Amedeo, il video ad Amici è virale

“Maria, certo che avete fatto giusto in tempo a rimandare Emma a Malta: ora quelli non se li prendono più gli stranieri”, la battuta rivolta ad Emma Muscat, quinta classificata di questa edizione. La coppia ne ha anche per il coreografo Bill Goodson, che è statunitense ma viene banalmente etichettato come “nero”: “Noi vi abbiamo sempre aiutato. Matteo vi ha dato il wi-fi gratis e i 35 euro al giorno. Sgancia un po’ di soldi. Oh, l’ho sempre detto che i ragazzi del Senegal hanno un cuore d’oro”. La ciliegina sulla torta è stata una battuta sessista rivolta a Giulia Michelini per concludere l’esibizione. Il video è disponibile su WittyTv. Sui social, in molti non hanno gradito e hanno scritto che quando li avevano arrestati ad Abu Dhabi, non avevano tutti i torti. Ermal Meta, invece, sembra aver apprezzato e ha replicato su Twitter così.

Commenti