Il top e il flop della seconda puntata di Questa Sera Casa Mika secondo il pubblico

Martedì 22 novembre è andata in onda la seconda puntata di Questa Sera Casa Mika, il varietà vecchio stile condotto brillantemente dal celebre cantante di origine libanese, ormai anche un po’ italiano d’adozione dopo la sua esperienza ad X-Factor. Tra i migliori momenti dello show c’è stato sicuramente l’omaggio a Dario Fo, scomparso lo scorso 13 ottobre. Ma per quanto riguarda uno dei meno amati, a giudicare dalla reazioni del pubblico, è stato il ritorno di Virginia Raffaele.

Dopo averci deliziato con la sua sfilza di imitazioni durante la scorsa edizione di Sanremo (ricordiamo le sue esilaranti interpretazioni  di Sabrina Ferilli, Carla Fracci, Donatella Versace e Belen Rodriguez), la bella comica e attrice ha portato sul palco uno dei suoi vecchi personaggi di Quelli che il calcio: Paula Gilberto do Mar. Già lo scorso 15 novembre era stata ospite dello show del cantante, riproponendo al pubblico la sua stravagante poetessa brasiliana.

seconda-puntata-di-questa-sera-casa-mika
Buonasera, ma che spettacolo… è bella questa frociata. Vi starete facendo tutti la stessa domanda, è inutile girarci intorno: sì, o le ciglia finte. Sono la psicologa di Mika. Lui si vergogna di dire che ha la psicologa, ma non si vergogna di vestirsi così”.

In questa seconda puntata di Questa Sera Casa Mika, però, il pubblico ha sembrato rispondere con molto meno entusiasmo alle sue gag, e durante il programma moltissimi utenti sui social hanno commentato che la preferivano nei panni dell’imitatrice di personaggi famosi.

La commovente conclusione dello show con l’omaggio al grande artista scomparso

Un momento memorabile e pieno d’affetto, invece, è stato quello dedicato a Dario Fo, che il cantante adorava letteralmente.

seconda-puntata-di-questa-sera-casa-mika-dario

Oltre all’omaggio canoro di “Ho visto un re” (che i due avevano già cantanto insieme durante Le Invasioni Barbariche), eseguito con l’entusiasta verve di Mika, ecco le belle parole di addio all’artista Premio Nobel: “L’avevo invitato in questa casa. Dopo il nostro primo incontro, ci siamo sentiti tante volte e visti per tanti mesi, Una volta ogni settimana. Ci siamo visti a Napoli per fare una chiacchierata: doveva durare 5 minuti, invece è durata 50. Mi sentivo privilegiato solo a stare di fronte a lui. Era come un regalo per me. Volevamo fare un programma insieme, un programma sulla fine del mondo – aggiunge Mika – Nel programma, il mondo finiva e io e lui, sopravvissuti, trovavamo un magazzino pieno di oggetti e ricordavamo com’era il mondo. Ora sono rimasto solo, il mondo non è veraente finito ma è arrivato (diventanto,n.d.r.) piccolo da quanto non ci sei tu. Ciao Dario, buonanotte, dormi bene amico mio“.

 

 

Commenti