Silvia Salemi racconta la morte della sorella a Storie Italiane. A dieci anni dall’ultimo album, la cantante è ritornata con 23, un disco che rappresenta la sua libertà di fare musica. Ma non solo.

La vincitrice del Premio Volare al Festival di Sanremo del 1997 ha scritto un libro autobiografico intitolato La voce nel cassetto. La cantautrice diventata famosa con A casa di Luca rievoca il trauma vissuto per la scomparsa della sorellina di appena 5 anni per una leucemia.

Silvia Salemi racconta la morte della sorella
Silvia Salemi

Sono contenta di raccontare per la prima volta questa mia storia… Questo non è un romanzo di qualcun altro, è il mio e dentro c’è tutto il trauma della mia infanzia”, ha esordito dinanzi a Eleonora Daniele. All’epoca aveva un anno e mezzo e per lei quella perdita fu uno shock: “In un registratore ho trovato la voce di mia sorella che ora non c’è più e la mia, che avevo perso subito dopo il lutto”, ha dichiarato la cantante siciliana.

In quella breve registrazione c’è anche l’ultimo ricordo della sorella, che le dice solennemente: “Io Laura, di anni 5 e mesi 2, voglio dire che lascio tutti i miei giochi a Silvia, perché Silvia è una bambina buona. Silvia, vieni, mi devi aiutare a fare la flebo a Pinocchio…”.

Silvia Salemi racconta la morte della sorella

Laura oggi è il mio angelo, è stata quella persona che mancando mi ha fatta nascere”, ha spiegato Salemi. “Mia madre scoprì di aspettare me nello stesso momento in cui seppe che la malattia di Laura era una malattia incurabile. Lei aveva già un figlio e una bambina di tre anni perennemente in ospedale… Di fronte al dubbio se tenermi o meno, il medico le disse: ‘Tienila, perché questa bambina deve nascere, è arrivata perché l’altra ti verrà tolta’”.

Oggi che sono madre capisco il coraggio che lei ha avuto nel tenermi”, ha concluso Silvia. “Sono nata in un piccolo paesino siciliano, i miei genitori hanno affrontato le cure di una bambina sempre fuori dal paese, Pavia e vari posti, e questo ci ha portato veramente sotto il livello di attenzione a livello economico… Ho preso atto di quante cose mancassero in casa, tranne l’amore”. Come quelle di Maurizio Ferrini e Laura Colussi, l’intervista è disponibile sul sito ufficiale di RaiPlay.

Commenti