Striscia la Notizia attacca Neri Marcorè e piazza un nuovo affondo contro la Rai. Il tg satirico di Canale 5 stavolta ha tirato in ballo Celebration, show del sabato sera di Rai 1. Al suo esordio nella prima serata del 15 ottobre, il varietà musicale condotto dall’attore marchigiano con Serena Rossi è stato nettamente battuto da Tu sì que vales nella gara degli ascolti.

Il talent di Maria De Filippi ha registrato 4.757.000 telespettatori con share del 26,68%. Al nuovo programma Rai non è bastato l’effetto sorpresa dell’esordio e si è fermato a 2.373.000 telespettatori (share 11,69%).

Striscia la Notizia attacca Neri Marcorè
Striscia la Notizia vs Celebration

Numeri che hanno scatenato la fantasia di Antonio Ricci e i suoi autori, col dente sempre più avvelenato nei confronti del servizio pubblico. Prima l’affaire Insinna, poi il servizio al fiele sulle sorelle Cristina e Benedetta Parodi, con Ezio Greggio che distrugge Domenica In e la sua rinnovata formula. Ora a finire nel tritacarne della coppia Greggio-Iacchetti è Marcorè. L’esibizione dell’attore è stata ironicamente criticata da Greggio, in verità un po’ meno duro rispetto a quanto accaduto con le Parodi e la loro Domenica In.

Ecco la sigla di Celebration, in cui Marcorè canta e soprattutto balla”, esordisce il conduttore, commentando l’esibizione del presentatore sulle note del celebre brano della PFM. “Però! Che doti acrobatiche sto Neri! E insiste pure…”, aggiunge quando Marcorè si trasforma in una versione di Michael Jackson a metà tra Thriller e Black or White.

Striscia la Notizia attacca Neri Marcorè

Che nervi! Che scatti!”, chiosa sarcastico Greggio. Quando Marcorè si scatena su Superstition di Stevie Wonder, Greggio fa lo stesso: “Parlando di ballerini: Roberto… Bolle. Neri… È meglio se evapora. Te lo diciamo sulle punte: ma va…”. Subito dopo il servizio, molti spettatori hanno criticato Striscia. Non per l’ironia in sé, marchio di fabbrica di Ricci e soci, ma perché quello nei confronti della Rai sta diventando un vero e proprio accanimento programmatico.

Commenti