Ricordiamo tutti la bufera sugli spot violenti (o geniali?) di qualche mese fa: ebbene, con l’ultima pubblicità del Buondì Motta la saga si chiude e il giudizio può essere definitivo. È stata un’operazione davvero originale e divertente! Non credete?

Guarda l’ultima pubblicità del Buondì Motta, dove le ‘azioni scellerate’ della bambina sorridente sono portate all’estremo

All’inizio sembrava solo una piccola provocazione dalle conseguenze un po’ tetre: “Possa un asteroide colpirmi”, rispondevano i genitori di fronte all’esigenza della figlia di ‘trovare una merendina che coniugasse leggerezza e bontà”. E giù l’enorme macigno spaziale che li spazzava via come se nulla fosse.

Tra polemiche e critiche, la saga è giunta al termine con l’ultima pubblicità del Buondì Motta:

Ai personaggi già conosciuti si aggiungono, dunque, un medico, un prete e un ‘uomo dello spazio’, una scena in cui molti potranno scorgere una citazione della serie TV Lost.

Avevamo immaginato che nascessero le polemiche e le abbiamo stuzzicate – ha dichiarato Alessandro Orlandi, il direttore creativo dell’azienda Saatchi & Saatchi, responsabile dell’idea della serie di spot – Credo che in Italia se non ci sono polemiche non c’è dibattito, se non c’è dibattito non c’è discussione, e senza quest’ultima non esistono vittorie e sconfitte. Abbiamo ideato un film che rompe con gli schemi e gioca sull’ironia ma, si sa, l’ironia non è per tutti”.

I commenti entusiasti dal web: “Genio chi l’ha creato”

Eppure, con questo ultimo episodio così estremo, il gioco è stato reso leggibile: la linea narrativa è diventata talmente estrema e surreale che anche chi all’inizio si era dimostrato scettico o contrario ad una scelta del genere, ha finito con l’apprezzare l’operazione. Su YouTube, infatti, in molti gridano al ‘capolavoro’ e al ‘genio’ che si nasconde dietro il concepimento di una saga del genere.

“E poi lo sanno tutti che una pubblicità intelligente non esiste…” scrivono in molti, mimando la battuta cult delle tre pubblicità. E per voi com’è?

Commenti