Mentre su Mediaset si attende il quarto episodio, previsto per la serata di martedì 29 gennaio alle 21.20, arriva la ‘verità su Adrian’. La controversa serie (leggi qua le prime critiche del pubblico ) ha scatenato un putiferio talmente grande che, in occasione del pre-show con Nino Frassica, è stato lo stesso attore e cantante a rivelarne il vero scopo.

Un’altra provocazione del Molleggiato o un tentativo di attenuare gli aspri commenti degli spettatori?

La verità su Adrian: Celentano appare nel pre-show, va nel confessionale di Nino Frassica e rivela i suoi veri piani per ‘la serie-evento’

Confesso di aver sabotato coscientemente l’audience di Canale 5 dicendo solo 13 parole – esordisce il cantante – Lo farò ancora per altre sei puntate, fino a che non resterà un solo ascoltatore: lui salverà il mondo”. Un modo autoironico, insomma, di ammettere un effettivo scarso successo che la sua travagliata opera ha riscosso in TV.

La verità su Adrian è che ha da subito innescato un gran polverone, al punto che anche Milo Manara, illustre artista che ha dato volto ai personaggi protagonisti, si è sentito in dovere di chiarire l’entità del suo contributo al progetto. Avete letto la nota che ha voluto diffondere? “In merito alle inesattezze che, da diversi giorni, stanno circolando a seguito della messa in onda della serie ‘Adrian’ – per la quale sento parlare di ‘disegni di Milo Manaa, (o addirittura di graphic novel di Milo Manara) – credo di dover fare alcune precisazioni. Nel lontano 2009, accettai di partecipare al progetto di serie animata, con lo specifico ruolo di character designer, in compagnia di autori del calibro di Nicola Piovani, Vincenzo Cerami, Enzo D’Alò, oltre ovviamente ad Adriano Celentano. Per quell’incarico ho realizzato, quindi, una serie di studi di personaggi, di sfondi e di ambientazioni insieme ad alcuni storyboard delle principali scene della serie.”

La perplessità di Milo Manara sulla serie di Celentano

Mi rendo conto che il fatto che alcuni disegni dei miei storyboard siano stati inseriti anche nell’animazione finale, nonostante non fossero stati realizzati per questo scopo, abbia creato ulteriore confusione. Purtroppo la decisione di utilizzarli non è stata mia, e a suo tempo non ho potuto che far presente la mia forte perplessità in merito.

Commenti